COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Sclerodattilia

La sclerodattilia è un aumento della tensione della pelle tipicamente associato a sclerodermia. Nelle prime fasi il disturbo causa gonfiore delle dita, che in seguito diventano fibrotiche, fino a che la pelle diventa dura e lucida. La situazione può peggiorare fino a limitare i movimenti delle dita e contrarsi a causa della tensione della pelle.

Quali malattie si possono associare a sclerodattilia?

Le patologie che si possono associare a sclerodattilia sono le seguenti:

Si ricorda che questo non è un elenco esaustivo e che sarebbe sempre meglio consultare il proprio medico di fiducia in caso di persistenza dei sintomi.

Quali sono i rimedi contro la sclerodattilia?

In caso di sclerodattilia è molto importante iniziare le terapie sin dagli stadi più iniziali. Fra i rimedi proposti c’è la fototerapia a base di Uv-A, che però può dare risultati variabili. Un ruolo importante è invece giocato dalla fisioterapia: esercizi di stretching e tecniche di riscaldamento possono aiutare a contrastare peggioramenti. Inoltre anche calchi preformati da indossare soprattutto durante la notte possono essere utili per consentire alle dita di mantenere una buona forma durante il giorno. In caso di sclerosi sistemica può invece essere necessario un trattamento chirurgico.

Con sclerodattilia quando rivolgersi al proprio medico?

In caso di sclerodattilia è sempre utile sottoporsi a controlli regolari dal proprio medico curante.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici