COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Prognatismo

Si definisce prognatismo la protrusione della mascella inferiore (mandibola). Alla sua base c’è un problema nell’allineamento dei denti dovuto alla conformazione delle ossa del volto che può anche portare a una malocclusione.
Spesso il problema è presente sin dalla nascita. A causarlo possono essere anche malattie ereditarie, come la malattia di Crouzon o la sindrome del nevo basocellulare. Altre volte il prognatismo può essere sviluppato durante l’infanzia o l’età adulta a causa di condizioni come il gigantismo o l’acromegalia.

 

Quali malattie si possono associare al prognatismo?

Le patologie che si possono associare a prognatismo sono le seguenti:

  • Acromegalia
  • Gigantismo
  • Malattia di Crouzon
  • Sindrome del nevo basocellulare

Si ricorda che questo non è un elenco esaustivo e che sarebbe sempre meglio consultare il proprio medico di fiducia in caso di persistenza dei sintomi. 

 

Quali sono i rimedi contro il prognatismo?

Un errato allineamento dei denti può essere corretto o migliorato rivolgendosi a un dentista o a un ortodontista. Talora può essere indicato un intervento di chirurgia plastica.

 

Con prognatismo quando rivolgersi al proprio medico?

In caso di prognatismo è bene rivolgersi al medico se si hanno difficoltà a parlare, mordere o masticare e in tutti i casi in cui la protrusione, pur non creando problemi di salute, è vissuta come un problema.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici