COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

International Patients
+39 02 8224 6579

Working hours: Monday to Friday, 9 a.m. – 5 p.m. (Italian time)

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Iperventilazione

L’iperventilazione è una condizione in cui i livelli di anidride carbonica nel sangue diminuiscono perché si respira rapidamente o profondamente. Spesso è associata ad attacchi di panico o a situazioni particolarmente ansiogene e quello che si insatura è un vero e proprio circolo vizioso perché il panico aumenta la frequenza del respiro e l’iperventilazione può alimentare ulteriormente il panico.
A volte il fenomeno è frequente e assume i contorni della cosiddetta sindrome da iperventilazione, un problema scatenato da stress, ansia, depressione o rabbia. In questo caso all’aumento della respirazione si possono associare altri sintomi, come confusione, dolori al petto, gonfiore addominale, bocca secca, vertigini e debolezza.
Infine, l’iperventilazione può essere associata all’assunzione di alcuni farmaci (ad esempio di una dose eccessiva di aspirina) o essere il sintomo di malattie, ad esempio cardiache o polmonari, oppure di infezioni.

 

Quali malattie si possono associare all’iperventilazione?

Le patologie che si possono associare a iperventilazione sono le seguenti:

Si ricorda che questo non è un elenco esaustivo e che sarebbe sempre meglio consultare il proprio medico di fiducia in caso di persistenza dei sintomi. 

 

Quali sono i rimedi contro l’iperventilazione?

Dopo aver accertato che l’iperventilazione è dovuta a problemi di ansia, stress o panico sono diverse le strategie che si possono mettere in atto per far fronte al problema. L’obiettivo è aumentare i livelli di anidride carbonica nel sangue, di conseguenza anche gli altri sintomi eventualmente presenti svaniranno. Per farlo è necessario cercare di calmarsi, oppure cercare di ridurre l’ossigeno introdotto nei polmoni, ad esempio respirando con naso e bocca in un sacchetto oppure attraverso una sola narice, chiudendo l’altra e la bocca.
Anche tecniche di respirazione e di rilassamento, un’attività fisica regolare e una terapia psicologica possono essere d’aiuto.
In alcuni casi potrebbe essere necessario assumere dei farmaci contro l’ansia, mentre se alla base dell’iperventilazione c’è una patologia specifica sarà il medico, dopo la diagnosi, a indicare i trattamenti più adatti.

 

Con iperventilazione quando rivolgersi al proprio medico?

In caso di iperventilazione è bene rivolgersi al medico se è la prima volta che si ha a che fare con il problema, se è associata a dolore, febbre, emorragie o altri sintomi e se non si risolve o tende a peggiorare. In questi casi l’iperventilazione è un’emergenza medica e giustifica anche un consulto al Pronto Soccorso.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici