COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Dolore in sede ombelicale

Il dolore in sede ombelicale è una sensazione di malessere circoscritta all’area interna all’addome posizionata dietro l’ombelico. Nella maggior parte delle volte la causa è da ricercarsi in disturbi connessi al sistema gastro-intestinale. Il dolore, che può essere sordo e continuo oppure intermittente, con picchi di dolore alternati a fasi di assenza di dolore, può essere accompagnato da nausea, vomito, eruttazioni, brontolii o flatulenza, oltre che da febbre e sangue o muco nelle feci.

 

Quali malattie si possono associare al dolore in sede ombelicale?

Le patologie che possono risultare associate al dolore in sede ombelicale sono le seguenti:

Si ricorda che l’elenco non è esaustivo ed è sempre bene chiedere consulto al proprio medico.

 

Quali sono i rimedi contro il dolore in sede ombelicale?

Poiché le patologie che risultano associate al dolore in sede ombelicale sono diverse, per poter approntare un trattamento è importante capire quale sia la causa del dolore e agire su questa.

 

Con il dolore in sede ombelicale quando rivolgersi al proprio medico?

È bene rivolgersi al proprio medico in caso di trauma o nel caso in cui il dolore sia accompagnato da altri sintomi come febbre e sangue o muco nelle feci, anche nel caso in cui sia già stata diagnosticata (o si sia a rischio di) una delle patologie associate (vedere elenco patologie associate).

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici