COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Aerofagia

L'aerofagia è un accumulo di aria nell'apparato digerente che porta a gonfiori e tensioni addominali. Può essere causata da un'ingestione frequente di grandi quantità di aria.

 

Quali malattie si possono associare all'aerofagia?

Le patologie che si possono associare all'aerofagia sono le seguenti:

Si ricorda che questo non è un elenco esaustivo e che sarebbe sempre meglio consultare il proprio medico di fiducia in caso di persistenza dei sintomi.

 

Quali sono i rimedi contro l'aerofagia?

I rimedi contro l'aerofagia sono determinati dai sintomi che possono essere cronici e stabili o episodi acuti e gravi che possono mettere in pericolo la salute.
Nel primo caso, più frequente, si consiglia di limitare il consumo di bevande gassate e di mangiare lentamente. Inoltre potrebbe essere utile assumere medicinali che prevengano la formazione di gas nell'intestino. Infine, in alcuni casi potrebbero essere utili esercizi per ridurre l'ingestione di aria.
Episodi acuti e gravi sono più frequenti in persone con disabilità mentale e il disturbo viene trattato con l'assunzione di sedativi per ridurre l'ingestione di aria o con l'uso di un sondino naso-gastrico.

 

Con aerofagia quando rivolgersi al proprio medico?

Dato che non sono stati condotti studi controllati sui rimedi contro l'aerofagia il consiglio di un medico può essere utile per trovare la soluzione più adatta. L'intervento di uno specialista è, inoltre, fondamentale nel caso dei pazienti con disabilità mentale che presentano episodi acuti di aerofagia grave che portano anche a difficoltà respiratorie.