COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Volontari in ospedale: dieci anni accanto al malato

Fondazione Humanitas festeggia quest’anno un traguardo importante: il decennale impegno a sostegno dei malati e delle loro famiglie, reso possibile grazie al contributo competente dei suoi volontari.

volontariAttiva dal 1999 all’interno dell’Istituto Clinico Humanitas e strettamente integrata con l’organizzazione dell’ospedale, Fondazione Humanitas realizza progetti in risposta ai bisogni psicologici, sociali e relazionali che si sviluppano durante la degenza in ospedale o dopo le dimissioni, con un’attenzione al paziente come persona nella sua completezza, a fianco delle primarie necessità di cura.
Infatti, protagoniste in questi dieci anni sono sempre state le persone, non solamente pazienti e familiari, ma i soci fondatori, gli amici sostenitori, i medici, gli infermieri e soprattutto i volontari che hanno reso possibile il percorso concreto compiuto in questi anni. Come ricorda il Segretario Generale – Giuliana Bossi Rocca – “tra la fine del 2000 e l’inizio del 2001, il Servizio Volontariato Humanitas (allora 37 volontari, oggi 170) ha offerto al malato la presenza continua di un amico capace di ascoltare, di comprendere e di farsi interprete dei bisogni del paziente e di chi se ne prende cura. Persone, uomini e donne, spesso famiglie, provenienti dal territorio di Rozzano e dai comuni limitrofi che prestano servizio in modo costruttivo in tutti i settori dell’Ospedale, spesso a fianco degli stessi operatori”.

“I volontari Humanitas – continua Giuliana Rocca – coordinati e formati in modo competente per essere inseriti in un contesto così delicato come quello di un policlinico, contribuiscono con il loro impegno a rendere l’ospedale un luogo di incontro e relazione, facilitando, con il loro ruolo di accoglienza e orientamento, il contatto con la struttura”. Ospedali costruiti a misura di paziente, programmi di sostegno per malati e familiari e ruolo del volontariato negli attuali sistemi sanitari saranno i temi del convegno “Ospedale: nuove frontiere dell’umanizzazione”, promosso da Fondazione Humanitas mercoledì 28 ottobre 2009. Una giornata di riflessione e confronto su esperienze innovative a livello nazionale e internazionale nella risposta ai bisogni di malati e familiari, a fianco delle cure.

Tra i relatori dell’evento: Giuseppe De Rita Presidente Censis, Don Gino Rigoldi Presidente Comunità Nuova onlus, Giangiacomo Schiavi Vicedirettore Corriere della Sera, Emanuele Ranci Presidente IRS (Istituto per la Ricerca Sociale).
A conclusione della giornata, saranno premiati i progetti vincitori del Premio Mirasole, per soluzioni innovative nella risposta ai bisogni della persona, paziente e familiare, al quale hanno partecipato 60 strutture da tutta Italia con contributi di altissima qualità.
L’evento è patrocinato da Regione Lombardia – Direzione Generale Sanità, Comune di Rozzano, ASL Mi2.

Convegno Nazionale
28 Ottobre 2009 – ore 9.30
Ospedale: nuove frontiere dell’umanizzazione
Auditorium del Centro di Ricerca, Didattica e Riabilitazione
Via A. Manzoni, 113 – Rozzano (MI)

Per informazioni:
tel. 02.8224.2380 oppure 02.8223.2305
decennale.fondazione@humanitas.it

A cura della Redazione

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici