COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Vesciche ai piedi, quali rimedi?

Tra le cause più comuni delle vesciche ai piedi ci sono lo strofinio insistito tra pelle e calzatura e le scottature. In entrambi i casi, a seguito del danno tra derma ed epidermide, si forma una raccolta di liquido (siero) che determina il formarsi della vescica o della bolla. Se la vescica e ancora piccola e poco o per niente dolorosa, si consiglia di fare tutto il possibile per mantenerla intatta. Infatti la pelle costituisce una barriera naturale contro i batteri e riduce i rischi d’infezione. Per questo, è consigliabile coprirla con un piccolo cerotto per proteggerla ed aspettare il riassorbimento spontaneo, che avviene in due, tre giorni. Ne parliamo con gli specialisti di Dermatologia di Humanitas.

Se invece la vescica o la bolla è dolorosa, come bisogna comportarsi?

È necessario drenare il liquido accumulato sotto la pelle, lasciando però intatta la pelle sovrastante.

Come si possono eliminare le vesciche?

La procedura è molto semplice. Schematicamente i passaggi sono i seguenti:

  • Disinfettare la vescica con un disinfettante (soluzione acquosa di cloro o di benzalconio)
  • Dotarsi di una siringa monouso come quelle per l’insulina
  • Praticare uno o più buchi al margine della vescica o bolla (l’operazione non provoca dolore)
  • Con una garza fare pressione leggera ma costante sul tetto della vescica o bolla fino a che il liquido è fuoriuscito tutto e la bolla si è incollata alla pelle.
  • Disinfettare nuovamente e coprire il tutto con garza di protezione trattenuta da cerotto a nastro o da garza tubolare a rete.
  • La pelle che formava il tetto della bolla rimarrà come medicazione naturale per circa 3 giorni
  • Successivamente può essere rimossa e la pelle sottostante deve essere medicata con un unguento cicatrizzante.

Ma il trattamento con ago e filo non è più attuale?

In passato si usava far passare un filo ci cotone mediante un ago attraverso la bolla per permettere la fuoriuscita del liquido lungo il filo.

Oggi questo trattamento non è più accettato perché il filo può portare all’interno della vescica i batteri, soprattutto nelle vesciche sui piedi dove la carica batterica è più elevata.

In qualsiasi caso, si consiglia di rivolgersi al proprio medico qualora comparissero segni di infezione come pus, arrossamenti o aumento del dolore.

In che modo si possono prevenire le vesciche?

Non è facile. Le prima cosa da pensare se si ha in mente una lunga passeggiata, una corsa o altro è quella di medicare la pelle. A questo proposito vanno ancora bene le crema a base di ossido di zinco e magnesio silicato micronizzati. Queste creme svolgono due importanti compiti: ammorbidiscono la pelle e diminuiscono gli attriti con le calze o le scarpe. Inoltre, per la presenza delle polveri di zinco e magnesio, tengono il piede più asciutto e ne assorbono il sudore.

Per quanto riguarda le calze, occorre optare per calze sottili meglio se prive di cuciture come quelle in microfibra. Le calze devono inoltre essere della misura esatta del piede, ne troppo grandi ne troppo piccole.

Quali accortezze prestare quando si acquista un paio di scarpe nuove?

Le scarpe si differenziano in base all’attività che si deve svolgere, da passeggiata, da jogging da treking ecc. Il comune denominatore per non avere vesciche è che calzino perfettamente. In altre parole quando le indossiamo per la prima volta il nostro piede deve sentirsi perfettamente contenuto e trattenuto e non si devono sentire pieghe, cordonature. Quando proviamo i primi passi occorre far attenzione a che l’avampiede non scivoli in avanti e poi indietro e che sollevando il tallone da terra la scarpa segua il movimento e non vi sia scivolamento tra scarpa e pelle. Quando flettiamo il piede la tomaia non deve strofinare sul dorso del piede e non dobbiamo sentire le stringhe.

Se, nonostante le attenzioni, abbiamo acquistato una scarpa poco adatta, prima di buttarla via ricordiamo che nel tempo può avvenire un adattamento, e proviamo a passare un po’ di crema con ossido di zinco e magnesio silicato all’interno della scarpa: a volte funziona.

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici