COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Vacanze, camminare aiuta a mantenersi in forma

I benefici della camminata sono noti e le vacanze possono essere il momento ideale per coniugare riposo e movimento. Ma quando la camminata è effettivamente benefica? Ne ha parlato il dottor Piero Volpi, Responsabile di Ortopedia del Ginocchio e Traumatologia dello Sport di Humanitas, in un’intervista rilasciata a Repubblica.

“È importante camminare a ritmo sostenuto, che non significa correre ma nemmeno fermarci continuamente. Per avere dei benefici dalla camminata infatti, questa deve essere ripetitiva e sostenuta, perché solo così si mette in atto il processo di stimolazione muscolare dell’esercizio fisico propriamente detto”, sottolinea il dottor Volpi.

Camminare fa bene a tutti ed è l’ideale per le persone più anziane e per chi soffre di sovrappeso: “Camminare è solo limitatamente faticoso, non stressa caviglie e articolazioni e mette in moto sia l’apparato locomotore, che quello respiratorio e cardiocircolatorio”.

Quando e dove camminare

“In città, come in montagna e al mare, c’è sempre un percorso che possiamo fare. Se si rimane in città, è preferibile camminare in un parco, lontano da zone inquinate e su un terreno morbido.

Soprattutto in estate è meglio camminare al mattino presto o nel tardo pomeriggio; non è consigliabile invece preferire il dopo cena e questo vale per tutte le attività fisiche, che non dovrebbero essere svolte troppo a ridosso dell’ora di dormire”, raccomanda il dottor Volpi.

Per chi è al mare poi, particolarmente indicate le passeggiate sulla spiaggia, soprattutto sul bagnasciuga, perché sviluppano la propriocezione del piede e rinforzano la muscolatura della caviglia.

Camminare con le scarpe adatte

“In ogni caso quello che è fondamentale, e che invece troppo spesso si dimentica, è che servono scarpe adatte per camminare; banditi infradito e sandali, l’ideale sono scarpe che coprono tutto il piede, sportive o da tempo libero, ma morbide e ammortizzate perché le sollecitazioni del terreno possono ripercuotersi negativamente sulle ginocchia e sulle anche”, ha concluso il dottor Volpi.

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici