COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Una vacanza speciale con la Fondazione Ariel

Il racconto del soggiorno in Toscana di Giorgio e Noemi e dell’incontro inaspettato con Jovanotti.

Tutto è cominciato durante l’ultima festa di Natale di Ariel quando Giorgio e Noemi – due bambini con disabilità seguiti dalla Fondazione – si sono aggiudicati il secondo e il terzo premio della lotteria: due soggiorni di una settimana presso l’Agriturimo Il Querciolo, nelle ridenti colline toscane. All’inizio le due famiglie stentavano a crederci: “Abbiamo subito pensato a un caso di omonimia… – racconta Aurelio papà di Noemi – poi ci siamo guardati negli occhi e increduli abbiamo alzato la mano. Incredibile ma vero! Avevamo vinto una settimana di soggiorno in un agriturismo toscano!”. Per Giorgio, 11 anni appena compiuti, è stata la sua prima volta in Toscana: con mamma e papà ha salutato le spiagge di Rimini per scoprire un posto tutto nuovo, immerso nel verde e contatto con la natura. La famiglia di Noemi invece aveva già visitato la Toscana quando lei era molto piccola, ma l’esperienza dell’agriturismo è stata del tutto nuova ed entusiasmante.

Accolti dalla cordialità dei proprietari, Luciano e Annagiulia, per le due famiglie è stato facile sentirsi subito di casa. “Il posto è paradisiaco: le colline, la quiete, la piscina, gli appartamenti eleganti e spaziosi, le rondini che librano nel cielo, proprio davanti a te… Che spettacolo!” – ricorda papà Aurelio. “Vita da spiaggia in piscina – racconta invece Elena, mamma di Giorgio – e mi porto nel cuore il ricordo di guardare tutti insieme il cielo stellato alla sera”. Approfittando della vicinanza, Noemi, la sorellina Aurora e i genitori hanno visitato nuovi posti e località: la medievale Arezzo, il santuario della Verna, la campagna di Poppi e la piccola città etrusca di Cortona. I sentieri un po’ impervi hanno reso a volte faticosa la spinta della carrozzina, ma la bellezza dei luoghi ha sicuramente compensato anche questo sforzo. Soprattutto l’incontro inaspettato con Jovanotti a Cortona, la città del cantautore toscano, ha emozionato incredibilmente Noemi, che non si è sottratta allo scatto fotografico con Lorenzo.

Giorgio, invece, ha preferito la tranquillità della piscina, in compagnia di mamma, papà e il fratellino Marco. Anche per Noemi e Aurora la piscina è rimasta la loro meta preferita. “L’ultimo giorno, mentre ci stavamo preparando per tornare a Milano, Noemi ha messo in atto una protesta e ci ha chiesto di metterle il costume perché lei doveva andare in “akka”(acqua)! – ricorda Aurelio – Non voleva tornare a casa. Come biasimarla?” Già, come biasimare la piccola Noemi? Appuntamento alla prossima Festa di Natale, il 17 dicembre, con l’augurio che altre famiglie possano vivere questa esperienza.

Fondazione Ariel è un’organizzazione senza scopo di lucro attiva dal 2003 per assistere le famiglie con bambini affetti da Paralisi Cerebrale Infantile e altre disabilità neuromotorie. La Paralisi Cerebrale Infantile (PCI) colpisce un bambino ogni 500 nuovi nati ed è dovuta a un danno irreversibile del sistema nervoso centrale. I bambini che ne sono affetti presentano, fin dai primi mesi di vita, un ritardo neuropsicomotorio che colpisce tutto il corpo con intensità differente e con ripercussioni progressivamente invalidanti. La nascita di un bambino colpito da PCI è difficilmente prevedibile; è un evento improvviso e inaspettato che destabilizza e stravolge tutta la famiglia: accanto ai sensi di colpa, di rabbia e di rifiuto si affacciano un forte senso di inadeguatezza, di incapacità, di isolamento da parte dei genitori, di trascuratezza da parte dei fratelli e delle sorelle.

A cura della Redazione

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici