COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Un weekend di musica per Humanitas

Sabato 1 e domenica 2 ottobre, gli ospedali Humanitas si riempiono di note con due appuntamenti speciali per pazienti, operatori sanitari, studenti, ricercatori e amici.

Euridice o I burattini di Caronte”: l’Opera al Campus l’1 ottobre

Sabato 1 ottobre, alle ore 19.00, il Campus di Humanitas University ospiterà “Euridice o I burattini di Caronte”, all’interno della rassegna ClassicAperta.

Humanitas University, che da sempre crede nella musica come strumento di integrazione, mette gli spazi del Campus a disposizione dell’Associazione per MITO ETS, che organizza la rassegna ClassicAperta con l’obiettivo di portare la musica a tutti, in ogni luogo e momento dell’anno.

“Euridice o I burattini di Caronte” nasce dalla volontà di unire e mettere a confronto due generi in apparenza lontani fra loro: l’opera lirica con il teatro di figura e, in particolare, il teatro dei burattini. Sfarzo, velluti e divismo da un lato, spettacolo popolare e di strada dall’altro.

La partecipazione è gratuita previa registrazione sulla piattaforma Eventbrite.

Il progetto è realizzato con il sostegno della Fondazione di Comunità Milano –Città, Sud Ovest, Sud Est, Martesana Onlus.

Maggiori informazioni sull’evento sul sito dell’Associazione per MITO ETS.  

L’Associazione per MITO ETS propone durante tutto l’anno incontri con la musica classica in ambienti non convenzionali, per consentire a tutti, oltre al piacere dell’ascolto, la conoscenza di spazi inconsueti delle città, l’identità e l’anima dei quartieri, che devono essere valorizzati affinché siano anche luoghi vitali di aggregazione e di sviluppo sociale e culturale.

Il Quartetto diffuso suona per i pazienti di Humanitas

Domenica 2 ottobre, alle ore 20.30, il Quartetto diffuso omaggerà pazienti e operatori degli ospedali Humanitas con un concerto in streaming.

Attraverso le tv presenti nelle camere, i pazienti potranno godere delle note di Metamorphosen per 23 archi solisti di Strauss e della Sinfonia n. 3 in Mi bemolle maggiore op. 55 “Eroica” di Beethoven, eseguiti dall’Orchestra Mozart, diretta per l’occasione dal Maestro Daniele Gatti.

I volontari di Insieme con Humanitas saranno al fianco dei pazienti per condividere questo momento di socialità e sollievo.

Il progetto è realizzato con il sostegno della Fondazione di Comunità Milano – Città, Sud Ovest, Sud Est, Martesana onlus.

La Società del Quartetto di Milano è stata fondata nel 1863 da Arrigo Boito, Tito Ricordi e altri protagonisti eccellenti della vita culturale milanese, con l’obiettivo di diffondere la conoscenza e la passione per la musica cameristica e sinfonica, in oltre 150 anni di attività la Società del Quartetto di Milano ha contribuito a scrivere la storia della musica in Italia con eventi di assoluto rilievo tra i quali: nel 1878 ha ospitato la prima esecuzione italiana della Nona Sinfonia di Beethoven, diretta da Franco Faccio; nel 1911 ha ospitato la prima esecuzione a Milano della Passione secondo Matteo di Bach; nel 1924 Arnold Schoenberg ha diretto personalmente la prima esecuzione milanese del Pierrot Lunaire. Oggi la Società del Quartetto di Milano è unanimemente riconosciuta come una delle istituzioni musicali più prestigiose d’Europa, radicata nella sua straordinaria tradizione e proiettata nel futuro con progetti e rassegne di brillante contemporaneità. Per maggiori informazioni sull’evento, clicca qui.



I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici