COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Tumore del fegato, un biomarcatore per predire il beneficio terapeutico

Tumore del fegato, l’analisi dei biomarcatori di uno studio multicentrico di fase 2 randomizzato conferma il ruolo prognostico e predittivo di MET, bersaglio presente sulle cellule tumorali, aprendo così la strada a nuove prospettive nella cura dell’epatocarcinoma, il più diffuso tumore primitivo del fegato. I risultati dell’analisi, coordinata da Humanitas Cancer Center, sono stati presentati lo scorso 6 settembre a Parigi dalla dott.ssa Lorenza Rimassa, vice-responsabile di Oncologia Medica, durante la nona conferenza annuale dell’International Liver Cancer Association (ILCA).

rimassa2

La dottoressa Rimassa alla conferenza annuale ILCA.

Come si è svolto lo studio?

Lo studio clinico, completato alla fine del 2011 e pubblicato su Lancet Oncology nel novembre del 2012, aveva arruolato 107 pazienti con epatocarcinoma avanzato, precedentemente trattati con sorafenib, che avevano sviluppato resistenza o intolleranza alla prima linea terapeutica. Le analisi dei biomarcatori, oggetto dell’attuale presentazione, sono state condotte sul tessuto tumorale (MET, recettore cellulare) e sul sangue (MET circolante, HGF, fattore di crescita degli epatociti, e AFP, alfa-fetoproteina).

Quali sono i risultati dello studio?

Lo studio di fase II randomizzato è stato condotto in 23 strutture di 5 Paesi tra Europa e Nord America e ha documentato l’efficacia di tivantinib – molecola “intelligente” in grado di colpire MET, uno specifico bersaglio sulle cellule tumorali – nel trattamento di pazienti con epatocarcinoma in stadio avanzato. Lo studio prevedeva inoltre l’analisi del ruolo prognostico e predittivo di biomarcatori tumorali e plasmatici; ruolo legato, cioè, alla possibilità di predire l’evoluzione della malattia e la risposta terapeutica del paziente al farmaco. Tale analisi ha dimostrato il ruolo prognostico e predittivo di MET tumorale: i pazienti che presentano una più alta espressione di MET hanno una prognosi peggiore, ma traggono beneficio dal trattamento con tivantinib, beneficio che invece è assente per i pazienti con bassa espressione di MET. Lo studio ha inoltre evidenziato il ruolo prognostico dei biomarcatori plasmatici analizzati. Pazienti con valori più elevati di MET circolante, HGF e AFP, infatti, sono pazienti in cui la malattia ha un decorso più rapido. “I risultati ottenuti con questo studio sono molto interessanti e aprono la strada ad una migliore conoscenza dell’epatocarcinoma e a nuove prospettive terapeutiche”, è il commento della dott.ssa Rimassa.

Tivantinib, quali prospettive terapeutiche?

“Tivantinib è un inibitore di MET. – spiega la dott.ssa Rimassa – È un farmaco per il quale è stato evidenziata un’efficacia terapeutica in studi clinici in diverse patologie tumorali con elevata espressione di MET, quali l’epatocarcinoma, il tumore del colon, del polmone e della prostata. Sulla base dei dati dello studio di fase II, è in corso uno studio clinico di fase IIII, che prevede il coinvolgimento di circa 300 pazienti con epatocarcinoma con elevata espressione di MET, che dovrebbe concludersi entro la fine dell’anno e che dovrà confermare i risultati ottenuti”.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici