COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Trombosi: ipertensione polmonare e trombofilia

Tra i fattori di rischio della trombosi ci sono anche l’ipertensione arteriosa polmonare e la trombofilia. Scopriamone caratteristiche ed effetti con l’aiuto dei professionisti di Humanitas.

Che cos’è l’ipertensione arteriosa polmonare e perché è pericolosa per il nostro cuore?

L’ipertensione arteriosa polmonare è una situazione clinica grave che va tenuta sotto controllo e su cui si può intervenire con farmaci adeguati. Spesso è conseguenza di una o più embolie polmonari che non sono state individuate o che sono state trascurate. L’embolia si verifica quando un trombo che si è formato a livello venoso libera dei frammenti, chiamati appunto emboli, che passano attraverso il cuore e finiscono nei polmoni chiudendo i rami di arteria che hanno una dimensione corrispondente alla loro provocando, nei casi più gravi, infarto polmonare. Quando i frammenti sono piccoli vanno a ostruire solo le terminazioni periferiche delle arterie, situazione che spesso non è sintomatica ma che contribuisce a procurare uno sforzo maggiore al cuore, che per riuscire a spingere il sangue nelle arterie ostruite del polmone tende a dilatarsi e ad esporsi così al rischio di trombosi.

La trombofilia aumenta il rischio di trombosi?

Con trombofilia si indica una predisposizione a sviluppare eventi da trombosi. Ma attenzione, quando si parla di predisposizione non si dice che che chi è affetto da trombofilia sia destinato ad avere prima o poi una trombosi. Si sottolinea solamente che c’è una fragilità per cui è necessario, anzi essenziale, intervenire sui fattori di rischio modificabili legati agli stili di vita che, quando associati alla trombofilia, possono causare eventi cardiologici gravi.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici