COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Tendinite, il rimedio sono le onde d’urto

Le onde d’urto, poco invasive e soprattutto risolutive, in molti casi possono rappresentare una valida strategia terapeutica, cui si arriva dopo una diagnosi approfondita. Con la specialista dott.ssa Maria Cristina D’Agostino, ortopedico e traumatologo presso Humanitas, approfondiamo il percorso di un paziente.

 

 

Come individuare le tendinopatie e le infiammazioni dei tendini?

“Nel caso di tendinopatie e processi infiammatori a carico dei tendini, gli esami di primo livello sono rappresentati da ecografia e radiografia – spiega la dottoressa Maria Cristina d’Agostino -. Un’ecografia ben eseguita consente di avere una valutazione sia statica che dinamica, la quale, a sua volta, fornisce informazioni molto preziose sulla funzionalità del tendine e la sua integrità, e di scoprire eventuali aderenze che ne possono ostacolare il corretto movimento e scorrimento. Inoltre, durante l’ecografia è possibile evidenziare anche l’eventuale presenza di vascolarizzazione “patologica”, che è correlata direttamente all’infiammazione: ciò consente di integrare i dati per una diagnosi ancora più accurata. In alcuni casi di difficile inquadramento o dubbio diagnostico è possibile approfondire anche con risonanza magnetica”.

 

Come curare le tendinopatie?

Dopo la diagnosi si pianifica la cura. “Quando altre terapie non invasive si siano rivelate inefficaci, le onde d’urto rappresentano lo strumento terapeutico d’elezione per le patologie tendinee – spiega la dottoressa d’Agostino –, sempre associate all’esercizio fisico terapeutico (fisiokinesiterapia). Tale associazione è molto importante, in quanto i tendini rispondono molto bene e positivamente alle corrette sollecitazioni meccaniche, oltre che alle stimolazioni biofisiche”.

 

Che cosa sono le onde d’urto?

Le onde d’urto sono stimolazioni di natura meccanica, non invasive e quindi sicure, e relativamente ben tollerate (se correttamente eseguite, con apparecchiature idonee). Con tali stimolazioni è possibile ottenere, in prima istanza, un effetto antinfiammatorio e antidolorifico, ma anche, con il passare delle settimane e dei mesi, contribuire al “benessere” del tendine nel suo insieme. “Allo stato attuale delle conoscenze, infatti, possiamo affermare che – dice ancora l’esperta -, con le onde d’urto non si possono riparare i tendini lesionati, ma si può sicuramente contribuire a migliorarne almeno in parte la struttura. Questo tipo di stimolazione meccanica, infatti, non ha azione lesiva sui tessuti viventi, bensì è in grado di attivare fattori di crescita e altre sostanze locali, che stimolano cellule specializzate e cellule staminali di riserva, le quali – conclude – fanno del tendine una struttura vitale, al pari di altre strutture dell’apparato muscolo–scheletrico e degli altri organi del corpo”.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici