COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Sospetta frattura al polso: quando andare in pronto soccorso?

Una caduta in avanti è la causa principale di frattura alla mano o al polso; questo avviene perché, in genere, appena avvertiamo di stare per cadere mettiamo le mani in avanti per proteggere il volto.

Le fratture che avvengono più frequentemente sono quelle che riguardano il polso e le più comuni sono quelle del radio distale; ci sono altri tipi di fratture, ma sono meno frequenti e interessano maggiormente gli sportivi.

Quando occorre recarsi in Pronto soccorso?

Se dopo la caduta il dolore non è eccessivo, si può applicare un po’ di ghiaccio e lasciare il polso a riposo, superando così la fase acuta.

Se invece il dolore persiste, il polso si gonfia e non si riesce a muovere occorre recarsi in Pronto soccorso. Prima però è consigliabile immobilizzare temporaneamente il polso, appoggiando per esempio mano e polso su una scatola da scarpe (o su altro supporto di cartone rigido), coprire la parte superiore del polso con un canovaccio e fissando con del nastro adesivo o dello scotch.

Come si effettua la diagnosi?

In Pronto soccorso il paziente verrà sottoposto a una radiografia che potrebbe confermare la presenza di una frattura del polso. Se il medico lo riterrà opportuno, il paziente verrà sottoposto a TAC; in genere questo esame è indicato laddove la frattura interessi la porzione dell’articolazione.

Talvolta si rende necessario l’intervento chirurgico, ma soprattutto un’artroscopia intraoperatoria per osservare il polso a tutto tondo. In alcuni casi infatti, possono esservi delle lesioni legamentose associate (non visibili nella radiografia) che è fondamentale riconoscere per scongiurare il rischio di danni anche irreversibili per via di una degenerazione del polso.

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici