COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Smart working: i consigli per chi lavora da casa

In queste settimane – per via della pandemia da COVID-19 – molti stanno ricorrendo allo smart working; per alcune realtà è una novità, per altre si tratta di una modalità di lavoro già in uso.

Con lo smart working si lavora da casa e si gestisce il proprio tempo, si portano avanti le attività per via digitale e si possono fare riunioni a distanza.

Lo smart working richiede organizzazione, a maggior ragione laddove ci si è trovati obbligati a praticarlo e si deve magari condividere la casa con altre persone, a loro volta impegnate a lavorare da remoto o a seguire le lezioni nel caso di figli studenti.

Cinque consigli per gestire lo smart working

  1. Trovarsi a casa tutto il giorno e a lungo può portare con sé una difficoltà nella gestione del proprio tempo. Consiglio di darsi obiettivi concreti giornalieri e a cadenza settimanale o mensile, a seconda delle proprie esigenze e del tipo di lavoro. Avere una vera e propria lista delle cose da fare può aiutare a fare il punto e a organizzare il proprio tempo.
  2. L’obbligo a lavorare da casa ci fa risparmiare il tempo sugli spostamenti, pertanto è possibile che la routine mattutina sia più “rilassata”. È comunque importante mantenere ritmi e orari regolari, iniziando a lavorare o a studiare all’orario consueto e terminando – salvo diverse esigenze – alla stessa ora.
  3. È importante pranzare in maniera sana ed equilibrata, fare delle pause di tanto in tanto e prendersi cura di sé e del proprio aspetto; anche se a casa ci si veste in maniera più comoda, evitiamo di rimanere in pigiama.
  4. Creiamo uno spazio di lavoro, nei limiti del possibile e nel tentativo di conciliare le diverse esigenze di convivenza. Se lavoriamo al computer sediamoci al tavolo, evitando di lavorare sul divano o sul letto, e se ne disponiamo colleghiamo il portatile a tastiera e monitor e utilizziamo il mouse. Prestiamo attenzione alla postura: se usiamo il computer portatile, rialziamolo in modo da permettere alla nostra colonna di mantenere una curvatura fisiologica e di non tenere il capo e il collo flessi verso il basso. Se non si ha una sedia ergonomica, è consigliabile appoggiare un cuscino sullo schienale della sedia a livello lombare. Attenzione infine anche alla luce: è preferibile che non sia incidente sullo schermo del computer, ma possibilmente che arrivi di lato.
  5. Non confondere il lavoro e il privato. Essere a casa può essere di aiuto nel gestire alcune esigenze domestiche, ma affinché la giornata sia fruttuosa e non ci si affanni avvicendandosi tra lavoro e casa, è importante anche in questo caso organizzarsi. In pausa pranzo può essere comodo mettere una lavatrice o stendere i panni, ma è utile programmare le diverse attività tenendo ben distinto il tempo in cui ci si concentra sul lavoro da quello in cui ci si dedicata alla casa o alle necessità personali.

Una buona organizzazione della giornata migliora le prestazioni lavorative, contrasta lo stress e consente di affrontare un po’ meglio la gestione del lavoro da remoto.

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici