COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Sistema immunitario e malattie autoimmuni: il prof Mantovani ospite a Elisir su Rai Tre

Il sistema immunitario è l’arma migliore che il nostro corpo possiede per difendersi dalle malattie e dalle aggressioni esterne. In alcuni casi però non funziona a dovere e anzi, attacca il corpo stesso con conseguenze importanti: è ciò che accade nelle malattie autoimmuni.

Ne ha parlato oggi il professor Alberto Mantovani, immunologo, Direttore Scientifico di Humanitas e Presidente di Fondazione Humanitas per la Ricerca, ospite a Elisir su Rai Tre.

Schermata 2016-04-18 alle 15.54.27

Come funziona il sistema immunitario?

“Possiamo immaginare il sistema immunitario come un esercito ben ordinato il cui compito è quello di riconoscere i microbi “buoni” da quelli “cattivi” e di distinguere ciò che fa parte del corpo stesso da ciò che è estraneo, perché altrimenti si verifica l’autoaggressione. È il caso delle malattie autoimmuni in cui il sistema immunitario aggredisce o un organo specifico (per esempio tiroide o articolazioni) o molti organi (come nel lupus eritematoso sistemico).

Il sistema immunitario ha due linee di difesa: una prima linea mantiene costantemente l’equilibrio nell’organismo e una seconda è specializzata nell’avere memoria, cioè nel ricordare gli incontri con i microbi e con i vaccini. Quando ci vacciniamo alleniamo infatti il sistema immunitario a mettere in atto le sue armi migliori nei confronti del patogeno contro cui è stato messo a punto il vaccino”.

Come si può rafforzare il sistema immunitario?

“Oltre ai vaccini, occorre adottare uno stile di vita appropriato. Suggerisco la formula 0-5-30: zero fumo, cinque porzioni al giorno di frutta e verdura fresca e trenta minuti al giorno di esercizio fisico moderato”.

A cosa servono i vaccini?

“L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che nel decennio che stiamo vivendo i vaccini salveranno 25 milioni di persone. Ogni minuto, nel mondo, i vaccini salvano cinque vite. Il vaccino ha poi una dimensione di solidarietà: vaccinare oggi un bambino, contro il morbillo, per esempio, aiuta a proteggere quei 1500 bambini che in Italia hanno un tumore e non possono vaccinarsi. È il fenomeno dell’immunità di gregge”.

Quali sono le malattie autoimmuni più diffuse?

“Le malattie autoimmuni più diffuse sono l’artrite reumatoide, le malattie infiammatorie croniche intestinali e la spondilite anchilosante. L’artrite reumatoide colpisce soprattutto le donne, con la presenza di malformazioni articolari visibili. Nelle malattie infiammatorie croniche intestinali (morbo di Crohn e colite ulcerosa) le prime linee di difesa attivano una risposta infiammatoria inappropriata a livello dell’intestino. Ha un ruolo molto importante il microbioma, l’insieme dei microbi che popolano il nostro intestino. Affrontare la componente microbica della nostra salute è una delle nuove frontiere della nostra medicina. Nella spondilite anchilosante infine si ha una modificazione della spina dorsale che arriva ad assomigliare a una canna di bambù, con una compromissione della mobilità”.

Quali obiettivi nel futuro?

“I microbi ci accompagnano per tutta la vita e le cellule microbiche sono fondamentali per la nostra salute perché addestrano il sistema immunitario. Uno dei grandi sogni è usare il mondo dei microbi per migliorare la nostra salute. Ne è un esempio la sperimentazione di trapianto fecale per controllare le malattie infiammatorie dell’intestino. È una nuova grande frontiera che abbiamo davanti”.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici