COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Se il tumore ritorna nella tua vita

Cara dottoressa, 5 anni fa sono stata operata per una malattia oncologica e avevo reagito positivamente. Adesso la malattia si è ripresentata e io non trovo le motivazioni e le energie per reagire. Non mi riconosco più, cosa mi è successo?

Risponde la dott.ssa Emanuela Mencaglia
Purtroppo non esistono delle “regole” per poter reagire a una diagnosi di tumore in modo adeguato. Nel suo caso ci sono diversi fattori che potrebbero concorrere a complicare l’assimilazione di una notizia come questa: si tratta di una ripresa di malattia, i trattamenti fatti in occasione della prima diagnosi non sono stati risolutivi, e si sente in modo diverso dalla prima volta, avendo difficoltà a riconoscersi.
Quello che sembra pesare maggiormente in questi casi è l’incapacità di fare progetti per il futuro: alla diagnosi vedeva la possibilità di guarigione, o di cura, oggi deve fare i conti con l’incertezza di ciò che sarà il domani, e il ritorno di fantasmi legati alla paura di morire, che forse dopo il primo periodo erano stati allontanati, rimossi. In questo caso diventa difficile “adattarsi” a una situazione così complicata e traumatica, nella quale i pensieri ricorrenti legati alla malattia non permettono di prendere le distanze dal problema ed affrontarlo in modo realistico.
In questo momento potrebbe essere sollevata da questa angoscia, effettuando dei colloqui di sostegno psicologico che facciano emergere tutti i contenuti ed i vissuti legati a questa situazione e che complicano il suo benessere psicologico e di conseguenza la sua vita.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici