COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Salute della pelle: i consigli in menopausa

Tra i momenti di maggior cambiamento che interessano la vita della donna vi sono menopausa e premenopausa. 

Nel periodo di transizione – che può durare tra 5 e 10 anni ed è caratterizzato da ciclo molto irregolare, riduzione dei livelli degli estrogeni e che si conclude con l’arrivo della menopausa – avvengono i cambiamenti più evidenti, ovvero quelli che avvengono a livello cutaneo.

Con la riduzione della funzionalità ovarica, la produzione e i livelli degli ormoni che assicurano alla pelle le sue caratteristiche e aspetto diminuiscono, causandone un cambiamento, rendendola più secca e dall’aspetto meno idratato e tonico. 

Quali consigli per la pelle in menopausa? Affrontiamo l’argomento insieme al dottor Michele Cardone, dermatologo in Humanitas e in Humanitas San Pio X.

Cosa succede alla pelle in menopausa?

Spiega il dottor Cardone: «Gli ormoni estrogeni, specificatamente il 17 beta estradiolo, sono molecole di segnale essenziali. La loro produzione è regolata dall’espressione di un gene, detto gene dell’aromatasi, che si trova nei tessuti ovarici e periferici. La menopausa provoca una condizione di carenza di estrogeni che si associa a un cambiamento  drastico dello stato di “salute” della pelle, ma influisce negativamente sulla sua fisiologia e su altre importanti funzioni biologiche». 

I cambiamenti includono:

  • perdita di collagene;
  • perdita di elastina;
  • perdita della funzione dei fibroblasti; 
  • alterazioni della vascolarizzazione;
  • aumento dell’attività di enzimi degradativi.

Ne possono quindi conseguire secchezza, rughe, lassità, atrofia, alterata cicatrizzazione e ridotta capacità antiossidante e di difesa, anche dai raggi solari. 

«Le ghiandole surrenali e ovariche delle donne in post-menopausa continuano a produrre ormoni androgeni», prosegue il dottor Cardone. «Questi ormoni, in assenza o diminuzione degli estrogeni, possono essere causa di altri effetti come voce più profonda, comparsa di peli superflui sul viso, comparsa di pelle grassa o a tendenza acneica. Infine, vi è anche una ridistribuzione del tessuto adiposo con perdita del grasso “di supporto” sottocutaneo del viso, del collo, delle mani, del seno e delle braccia, cosa che provoca un aspetto “cadente”. Il tessuto adiposo, invece, tende a concentrarsi nell’area dell’addome e/o dei fianchi e delle natiche». 

Come trattare la pelle in menopausa

«Durante il periodo della menopausa è importante assicurarsi che la pelle, oltre che bella, sia anche sana», sottolinea il dottor Cardone. «La visita dermatologica con check-up cutaneo potrà verificare lo stato della cute, impostare un utilizzo corretto dei prodotti cosmetici e stabilire quali trattamenti (estetici, rigenerativi o dermatologici che siano) sono maggiormente indicati sulla base della situazione cutanea della donna, per impostare eventualmente un programma personalizzato di educazione cosmetica e/o di injectable skincare. sono molti gli studi che hanno dimostrato la sicurezza di prodotti realizzati con ormoni bioidentici, fitormoni o cosmeceutici, ma hanno anche sottolineato l’importanza dell’affidarsi alla prescrizione di specialisti, evitando mode e il fai-da-te.  

L’attenzione deve anche essere rivolta alle eventuali problematiche tipiche di questa fascia di età. Cheratosi attiniche, fotodanno, tumori cutanei vanno sottoposti all’attenzione del medico. È quindi essenziale in menopausa capire quali sono i prodotti più adatti, correggere le abitudini che possono accelerare l’invecchiamento cutaneo come il fumo, l’alimentazione scorretta, l’alcol, le lampade solari, e l’esposizione solare non protetta».

Cosa serve alla pelle in menopausa?

Idratazione

L’idratazione cutanea è condizionata da fattori quali l’alimentazione e lo stile di vita, non soltanto dall’utilizzo di creme idratanti. In particolare, bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno, preferire verdura e frutta fresca, sono abitudini che aiutano la pelle a mantenersi adeguatamente idratata. 

Protezione

La pelle non protetta dal sole tende a invecchiare più velocemente. Esposta al sole, poi, la pelle si disidrata maggiormente. In inverno, il freddo, gli sbalzi di temperatura e di umidità, insieme all’azione dei raggi UV possono influenzarne la salute e l’idratazione. 

Cosmetici specifici per l’età

Cambiare cosmetici e skin-care quotidiana in base alla propria età contribuisce a garantire la bellezza e il benessere della pelle. Ci sono notevoli differenze tra i prodotti per pelli giovani e per pelli mature.

Supplementazione

A partire dagli anni ’40, il trattamento delle donne in menopausa con preparati estrogenici divenne popolare per trattare sintomi tipici, come le classiche vampate. Oggi esistono approcci molto più sicuri, sia topici, sia sistemici, per ripristinare il deficit ormonale. In aggiunta, integratori di vitamine C, silicio, collagene e selenio possono aiutare.

Dermatologia Estetico-Rigenerativa

In alcuni casi creme, sieri e trattamenti domiciliari possono non essere sufficienti a correggere rughe, colorito cutaneo spento o lassità cutanea. In queste situazioni entrano in gioco numerose procedure e tecniche, come l’injectable skin care (filler, botox, biorivitalizzanti) e i laser avanzati (per il ringiovanimento, ma anche epilatori).

Dermatologia e Venereologia

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici