COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Ricerca sul cancro, il dott. Bonavita si aggiudica il Premio Galeno

Ricerca sul cancro, il dott. Eduardo Bonavita, ricercatore di Humanitas, si è aggiudicato il Premio Galeno, il più importante riconoscimento in Italia dedicato alla ricerca nel campo della farmacologia clinica e sperimentale destinato ai giovani con meno di 35 anni.

Bonavita

Che cos’è il Premio Galeno?

Il Premio Galeno, che prende il nome dal celebre medico del mondo antico, fu istituito nel 1970 con l’obiettivo di promuovere i progressi più significativi nella ricerca in campo farmaceutico. Dalla sua fondazione il Premio ha acquisito sempre più importanza, rappresentando un appuntamento molto atteso da parte di tutte le istituzioni impegnate nella ricerca farmaceutica, dalle autorità pubbliche e dagli scienziati. Oggi è considerato il più alto tributo alla ricerca in questo campo.

galeno

Il prof. Pier Luigi Canonico premia i vincitori under 35 del Premio Galeno, il dott. Eduardo Bonavita (Laboratorio di Immunologia di Humanitas) e la dott.ssa Camilla Fusi (Unità di Farmacologia e Oncologia, Università degli Studi di Firenze)

Con quale studio il dott. Bonavita si è aggiudicato il premio Galeno?

Il dott. Bonavita – ricercatore del gruppo di lavoro del prof. Alberto Mantovani, direttore scientifico di Humanitas e docente di Humanitas University – si è aggiudicato il Premio Galeno grazie all’importante scoperta pubblicata sulla rivista scientifica Cell relativa al ruolo oncosoppressore di PTX3, molecola che agisce sul tumore tenendo sotto controllo la risposta infiammatoria.

Per comprendere l’importanza di questa scoperta, occorre pensare al tumore come a un’automobile impazzita con l’acceleratore sempre schiacciato (gli oncogeni, responsabili della produzione delle cellule tumorali) e i freni (cioè gli oncosoppressori) che non funzionano. PTX3 frena la neoplasia non agendo sulla cellula tumorale ma sul microambiente che la circonda, una nicchia ecologica in cui il tumore cresce e prolifera indisturbato. In assenza di PTX3 l’infiammazione è senza controllo e il tumore recluta molti più macrofagi che, comportandosi come poliziotti corrotti, ne promuovono la crescita e l’instabilità genetica.

La scoperta ha importanti implicazioni dal punto di vista clinico, e sono già state attivate sperimentazioni per portare la molecola dal laboratorio al letto del paziente.

Il contributo del dott. Bonavita alla ricerca è stato riconosciuto anche in contesto internazionale, con l’assegnazione del Bright Sparks Award durante il Congresso Europeo di Immunologia.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici