COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Protesi d’anca, Ok Salute e Benessere intervista il dott. Grappiolo

Artrosi dell’anca, quali sono le più interessanti novità nel campo delle tecnologie protesiche? Ne ha parlato il dott. Guido Grappiolo, responsabile di Ortopedia dell’Anca e Protesica di Humanitas, in una recente intervista su “Ok Salute e Benessere”.

anca

Che cos’è l’intervento di protesi d’anca?

L’intervento di protesi d’anca consiste nella sostituzione completa dell’articolazione utilizzando protesi in metallo. “Si rende indispensabile nel caso di artrosi o frattura”, anche perché – spiega il dott. Grappiolo a Ok Salute e Benessere – non esistono terapie farmacologiche o approcci fisioterapici che possano risolvere il problema. L’unico intervento valido, risolutivo, è la protesi d’anca che restituisce una qualità della vita ottimale oltre a far scomparire il dolore”. È un intervento sempre più diffuso: ogni anno, solo in Italia, ne vengono eseguiti più di 90mila.

Quali sono le innovazioni più importanti?

La maggior parte delle protesi sono in titanio; le novità più interessanti consistono nella lavorazione di questo materiale. “Le nuove protesi in titanio trabecolato (una particolare forma del titanio che mima la morfologia dell’osso), come la più recente OsseoTi, hanno un altissimo grip (“presa”) che consente un ottimo fissaggio e una presa immediata sull’osso”. Il polietilene di queste protesi è, inoltre, arricchito di vitamina E, “che funziona da antiossidante consentendo una minor usura e quindi una maggior durata delle protesi”. L’innovazione tecnologica ha permesso una maggiore durata degli impianti protesici: “Oggi – conclude il dott. Grappiolo – possiamo dire che la durata di una protesi impiantata dopo i 60 anni è definitiva, mentre tra i 50 e i 60 la durata è correlata allo stile di vita”.

Leggi l’intervista completa al dott. Grappiolo su Ok Salute e Benessere.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici