COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Pronto Soccorso: nuovi codici-colore per il triage

Nei Pronto Soccorso di Regione Lombardia sono entrate in vigore le nuove Linee di indirizzo nazionali per il triage. Si passa da quattro a cinque codici di priorità, ecco i rispettivi significati:

  1. Rosso – critico: interruzione o compromissione di una o più funzioni vitali.
  2. Arancio – acuto: funzioni vitali a rischio.
  3. Azzurro – urgenza differibile: condizione stabile con sofferenza. Richiede approfondimenti diagnostici e visite specialistiche complesse.
  4. Verde – urgenza minore: condizione stabile senza rischio evolutivo. Richiede approfondimenti diagnostici e visite monospecialistiche.
  5. Bianco – non urgenza: problema non urgente.

Nella nuova attribuzione del codice colore, viene valutato non solo il livello di criticità di chi arriva in Pronto Soccorso, ma anche la complessità clinico-organizzativa e l’impegno assistenziale necessari per attivare il percorso di presa in carico. Questo permette di ottimizzare il percorso dei pazienti e migliorarne l’esperienza.

Rispetto alla suddivisione precedente, nel nuovo sistema di triage è stato introdotto il colore azzurro che indica un’urgenza differibile, collocato tra l’arancione (che sostituisce il giallo) e il verde.

Nel referto di dimissione non viene più indicato il colore, ma la definizione di priorità: critico (emergenza), acuto (urgenza), urgenza differibile, urgenza minore, non urgente.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici