COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Patologie cartilaginee nello sportivo: il ruolo del trattamento conservativo

“Patologie cartilaginee nello sportivo: lo stato dell’arte”: questo il titolo della lezione magistrale che il dottor Cristiano Sconza, specialista in Riabilitazione ortopedica e neuromotoria in Humanitas, ha tenuto nel corso di un convegno dedicato alla Medicina dello sport, svoltosi a Prato.

Il lavoro ha visto anche il coinvolgimento della dottoressa Ilaria Marchetti, medico dello sport, e del dottor Stefano Respizzi, Direttore di Dipartimento Riabilitazione e Recupero Funzionale in Humanitas.

“Abbiamo dapprima offerto un quadro sulle proprietà della cartilagine articolare, spiegando come questa reagisca al carico, per esempio nel caso di una corsa o di una camminata”, spiega il dottor Sconza.

Le condropatie del ginocchio

“Ci siamo poi concentrati sulle condropatie, ovvero sulle patologie che interessano la cartilagine, con una particolare attenzione a quelle a carico del ginocchio. Un tema molto attuale, si pensi che nel 90% degli atleti dell’NBA si riscontrano problemi cartilaginei nel corso di risonanze magnetiche al ginocchio, magari effettuate per altri motivi. Il problema più rilevante è rappresentato dal fatto che la rigenerazione della cartilagine è molto difficile, perché si tratta di una componente non vascolarizzata.

Distinguiamo due tipi di lesioni: quelle focali e quelle diffuse. Le prime coinvolgono soprattutto i più giovani, sono conseguenti spesso a un trauma acuto e nella maggior parte dei casi necessitano di intervento chirurgico. Le seconde invece si instaurano a seguito di microtraumi ripetuti e colpiscono soprattutto gli atleti over 30 o pazienti più grandi di età”, precisa lo specialista.

Il ruolo del trattamento conservativo

“Il trattamento può essere conservativo oppure chirurgico. Il trattamento conservativo è indicato nel paziente non atleta professionista che presenta una lesione cartilaginea focale di piccole dimensioni oppure un quadro degenerativo esteso di lieve-media entità. Il trattamento chirurgico è invece preferibile negli sportivi professionisti e nei giovani con elevate richieste funzionali. 

Il trattamento conservativo prevede l’utilizzo di varie tecniche: il controllo del dolore, il controllo del peso del paziente (il sovrappeso infatti causa un sovraccarico biomeccanico sul ginocchio), la fisiokinesiterapia, la visco-supplementazione con infiltrazioni intrarticolari di acido ialuronico, l’uso di slow acting drugs, farmaci integratori che si assumono per via orale. Argomento di grandissimo interesse e attualità è l’utilizzo, sempre mediante infiltrazione intrarticolare, dei fattori di crescita locali, tra cui quello attualmente più conosciuto è il PRP (plasma ricco di piastrine); in questo ambito, detto di Medicina Rigenerativa, la ricerca si sta molto sviluppando anche grazie agli studi della professoressa Elizaveta Kon, una delle più grandi esperte sul tema e Responsabile di Ortopedia Traslazionale in Humanitas”, spiega il dottor Sconza.

La riabilitazione post chirurgica

“Il fisiatra si prende carico anche della pianificazione del trattamento riabilitativo del paziente in seguito a intervento chirurgico.

In questo caso le fasi di recupero prevedono: il controllo dell’infiammazione, il recupero della mobilità e dell’elasticità muscolare, il recupero della forza e della resistenza, il recupero propriocettivo e del controllo neuromotorio e infine il graduale ritorno allo sport.

I tempi di recupero variano da paziente a paziente, anche in base alla tecnica operatoria. È bene poi sottolineare che non ci basiamo su criteri temporali, ma su criteri funzionali. Il paziente tornerà alla completa guarigione solo quando sarà in grado di eseguire con sicurezza ciascuna attività/funzione della propria vita quotidiana e sportiva”, conclude il dottor Sconza.

Medicina Fisica e Riabilitazione
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici