COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Parkinson e demenze: medicina personalizzata e neurologia di precisione

Terapie con cellule staminali, basi genetiche della degenerazione selettiva, disturbi del controllo degli impulsi. Questi alcuni degli argomenti legati alla gestione della malattia di Parkinson e di altre patologie neurologiche degenerative quali demenze e sclerosi laterale amiotrofica, che oggi interessano quasi un milione di italiani. Se ne parlerà in occasione di “Milano Parkinson”, convegno in programma il prossimo venerdì 24 Marzo dalle 8 alle 17 presso il Centro Congressi di Humanitas.
Anche per la malattia di Parkinson, le demenze e le malattie neurodegenerative, il futuro delle terapie porta il nome di “medicina personalizzata”. Aver fatto dei passi avanti verso questo tipo di trattamento, e pensare di poter compiutamente tagliare questo traguardo, è stato possibile grazie alla distinzione delle diverse forme delle principali malattie neurologiche degenerative: “Tra le novità più rilevanti in questo campo c’è la sotto-tipizzazione di malattie come Alzheimer e demenze o Parkinson, con evidenti ricadute su diagnosi e terapia”, spiega il prof. Alberto Albanese, Responsabile Neurologia I di Humanitas e organizzatore di “Milano Parkinson”. Al congresso, giunto alla sua quindicesima edizione e dedicato agli sviluppi scientifici e agli scenari futuri nelle malattie neurodegenerative, prenderanno parte diversi relatori italiani ed europei, oltre agli specialisti dell’ospedale. Si tratta di un’importante occasione per l’approfondimento scientifico per i medici con specializzazione in neurologia, neurochirurgia, neurofisiopatologia, neuroradiologia e medicina nucleare.
 
L’indagine e le evidenze acquisite relative agli aspetti genetici hanno permesso di conoscere più a fondo queste patologie: “L’eterogeneità delle malattie neurodegenerative è ormai un dato acquisito. Non possiamo più parlare di malattia di Alzheimer o di Parkinson, o di demenza, al singolare, perché esistono più tipologie di ciascuna di queste malattie. Bisogna tenere conto di due tendenze apparentemente contrapposte: da una parte si raggruppano le patologie perché ne riconosciamo i meccanismi causali simili; d’altra parte, ci muoviamo verso una neurologia di precisione, che riconosce le peculiarità e le esigenze specifiche di ciascun paziente”, spiega il prof. Albanese.

Malattie neurologiche degenerative: in Humanitas un progetto di Ricerca che è possibile sostenere attraverso il 5×1000

Humanitas è in prima fila nella lotta contro le malattie neurologiche degenerative, attraverso la ricerca dei fenomeni biologici che le causano e lo studio dei pazienti che ne sono colpiti. In Humanitas si sperimentano nuove cure, farmacologiche, chirurgiche, riabilitative volte a rallentare o contrastare la degenerazione del sistema nervoso. Il ruolo della Ricerca è fondamentale per migliorare la qualità di vita dei pazienti affetti dalle malattie neurologiche degenerative.

Le malattie neurologiche degenerative: caratteristiche e numeri

Sono caratterizzate dalla perdita precoce (spesso in età adulta e nel pieno delle capacità produttive) di cellule nervose (neuroni) in alcune parti specifiche del sistema nervoso. Tale perdita è inizialmente selettiva, interessa cioè una porzione limitata e può rimanere localizzata o diffondersi fino a generalizzarsi. Le diverse malattie neurologiche degenerative hanno sintomi diversi, in rapporto alle aree nervose colpite e progressione variabile. Per esempio, la malattia di Parkinson, che colpisce in Italia circa 300.000 persone interessa inizialmente le aree del controllo motorio, per poi eventualmente – ma non necessariamente – colpire anche i nervi che controllano gli organi interni, le funzioni cognitive, ecc. La malattia di Alzheimer, inizialmente interessa le aree della memoria, per poi estendersi a quasi tutta la corteccia cerebrale. La malattia del motoneurone (o sclerosi laterale amiotrofica) colpisce in Italia circa 5.000 malati, in media intorno ai 60 anni, e porta a una progressiva paralisi di tutti i muscoli, con esito fatale entro 3-5 anni dall’inizio dei sintomi.
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici