COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Pancreatite cronica, dai sintomi alla terapia

La pancreatite cronica è un’infiammazione cronica del pancreas, non è particolarmente frequente nel nostro Paese, mentre lo è nel centro-nord Europa, e ha come causa principale l’abuso di alcol. Grazie al contributo del professor Alessandro Zerbi, Responsabile di Chirurgia Pancreatica in Humanitas, scopriamo con quali sintomi si manifesta questa patologia e quali sono le opzioni terapeutiche.

“La pancreatite cronica riguarda tradizionalmente i giovani uomini, anche se ultimamente l’epidemiologia sta un po’ cambiando e anche alcune donne ne sono affette. È una patologia piuttosto invalidante perché quando si instaura non regredisce e che o si riesce a stabilizzare o tende a peggiorare; la sua presenza a lungo termine è un fattore di rischio non trascurabile per il cancro del pancreas”.

Con quali sintomi si manifesta?

“Il dolore ai quadranti alti dell’addome, tra ombelico e sterno, che ha tipicamente una disposizione a cintura e che si irradia spesso posteriormente al dorso, è il sintomo principale. Inizialmente è un dolore post-prandiale, che dunque esordisce dopo che si è mangiato, ma nelle forme più avanzate il dolore tende a svincolarsi dall’assunzione di cibo e diventa costante a tal punto da richiedere l’assunzione di antidolorifici sempre più forti”.

Come si effettua la diagnosi?

“La diagnosi si avvale di esami strumentali che mettono in evidenza il pancreas: l’ecografia può essere l’esame di primo livello, per poi arrivare a TC, risonanza magnetica ed ecoendoscopia”.

Come si cura la pancreatite cronica?

“Il primo passo nell’ambito della cura di questa patologia è cercare di modificare le proprie abitudini di vita: è bene dunque ridurre l’introito di alcol e anche il fumo, che spesso è una concausa. Occorre poi fare più attenzione all’apporto alimentare, perché spesso questi pazienti sono poco nutriti, e migliorare, mediante l’assunzione di enzimi pancreatici sostitutivi, l’assorbimento del cibo perché chi soffre di pancreatite cronica produce meno succhi e meno enzimi e dunque assorbe meno.

La terapia cerca di essere il più conservativa possibile, in prima battuta è medico-comportamentale, endoscopica (perché si possono inserire degli stent all’interno del pancreas per facilitare il deflusso del succo pancreatico), e nelle forme più avanzate, in cui nonostante questi presidi i sintomi diventano sempre più importanti, il pancreas ingrandisce e comprime gli organi circostanti, vi sono difficoltà di alimentazione e comparsa di ittero, è talvolta necessario ricorrere a intervento chirurgico, anche con asportazione parziale di pancreas se occorre”, conclude il professor Zerbi.

Specialista in Chirurgia Generale

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici