COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Miopia, quando e perché si manifesta?

Quando e perché si manifesta la miopia? Risponde il dott. Paolo Vinciguerra, Responsabile del Centro Oculistico di Humanitas.

Perché si manifesta la miopia?

La miopia è il difetto visivo più comune al mondo, ed è in genere causata da un bulbo oculare più lungo del normale: “I raggi luminosi provenienti dagli oggetti lontani, invece che cadere sulla retina, si fermano davanti a essa, generando una visione sfocata”, spiega il dott. Vinciguerra. Ne soffrono almeno 2-3 italiani su 10, e può verificarsi anche in associazione a una malattia oculare chiamata cheratocono, che provoca una curvatura eccessiva della cornea. “Altre volte – conclude il dottore – la miopia deriva da un eccessivo potere refrattivo del cristallino: può avvenire in caso di cataratta, che comporta l’opacamento del cristallino”. Gli studi hanno messo in evidenza che quanto più è precoce lo sviluppo della miopia, tanto maggiore è il rischio che peggiori con la crescita. “Un bulbo oculare più lungo del normale – spiega Vinciguerra – sottopone l’occhio a uno stress maggiore, favorendo lesioni a livello della periferia della retina che può assottigliarsi tanto da andare incontro a lacerazioni e quindi al distacco”.

Come si riconosce la miopia?

“Per una diagnosi certa della miopia – spiega il dott. Vinciguerra – è sufficiente un’accurata visita oculistica che preveda anche l’uso di gocce ciclopegiche (per far dilatare la pupilla).

Come si corregge la miopia?

Gli strumenti indicati per correggere la miopia sono:

Occhiali (“Particolarmente indicati nei bambini perché più facili da gestire”, commenta il dott. Vinciguerra sul Corriere;
Lenti a contatto (per le quali “è meglio aspettare l’adolescenza”);
Chirurgia refrattiva: per liberarsi definitivamente di occhiali e lenti a contatto. “Per valutarne l’idoneità – conclude il dott. Vinciguerra – è fondamentale un’accurata valutazione delle caratteristiche cliniche del soggetto”.

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici