COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Medicina Nucleare, la dottoressa Lopci al Parlamento Europeo

La dottoressa Egesta Lopci tra le fila del Parlamento Europeo per rappresentare l’EANM – European Association of Nuclear Medicine. Durante la giornata del 18 novembre, per iniziativa del MAC Interest Group (Members of the European Parliament Against Cancer) e della SIOPE (Society for Paediatric Oncology in Europe) è stato presentato il Cancer Plan for Children and Adolescents, piano strategico per venire incontro alle esigenze dell’oncologia pediatrica in Europa.

lopci-official

La dottoressa Lopci e Gilles Vassal, presidente della SIOPE.

biondi-lopci

La dottoressa Lopci e il prof. Andrea Biondi, presidente dell’Associazione Italiana Ematologia Oncologia Pediatrica.

A quale incontro ha partecipato la dottoressa Lopci?

La dottoressa Lopci ha rappresentato la European Association of Nuclear Medicine durante la presentazione del Cancer Plan for Children and Adolescents. “Il documento – spiega la dottoressa – individua le esigenze dell’oncologia pediatrica in Europa e definisce un piano d’azione con l’obiettivo di garantire elevati e omogenei standard di cura nel continente europeo”. Il piano definisce la visione a lungo termine per aumentare il tasso di guarigione, migliorare la qualità della vita dei sopravvissuti e promuovere il dialogo e la cooperazione internazionale. Durante la giornata del 18 novembre si è discusso dei possibili modelli di collaborazione e iniziative dell’Unione Europea, in particolare la diminuzione delle disuguaglianze nell’accesso alle cure e la promozione dell’innovazione nella messa a punto di nuovi medicinali. “È emersa la necessità di accelerare i tempi perché i farmaci siano ugualmente disponibili anche nei Paesi dell’est Europa”, è il commento della dottoressa Lopci. Che conclude: “Questo piano d’azione, oltre a dar conto della rilevanza internazionale della Medicina Nucleare di Humanitas segna un primo importante passo per una maggiore caratterizzazione multidisciplinare del gruppo di lavoro a livello europeo”.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici