COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 82224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Malattie infiammatorie croniche intestinali: i sintomi e le cure per la malattia di Crohn e la colite ulcerosa

Quando si parla di malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI o IBD, inflammatory bowel disease) si fa riferimento a disturbi immunomediati con decorso cronico e ricorrente. Queste patologie interessano pazienti di ambo i sessi ed esordiscono in particolar modo tra l’adolescenza e i 45 anni. I dati indicano inoltre un aumento di incidenza negli ultimi decenni. 

La malattia di Crohn e la colite ulcerosa sono due patologie complesse, che compromettono sensibilmente la qualità di vita del paziente e per le quali è fondamentale che il paziente venga seguito da un centro di riferimento, sia in fase di diagnosi, sia per la gestione della patologia. 

Approfondiamo l’argomento con il professor Alessandro Armuzzi, Responsabile dell’Unità Operativa di Malattie infiammatorie croniche intestinali in Humanitas e docente di Humanitas University.

Malattia di Crohn e colite ulcerosa: quali sono le cause?

Le cause della malattia di Crohn e della colite ulcerosa sono ancora da indagare pienamente, infatti vengono definite patologie multifattoriali, dunque a causa solo parzialmente conosciuta. Si tratta infatti di patologie scatenate da una reazione immunitaria errata a livello intestinale, nei confronti di determinati antigeni, come per esempio i batteri o loro componenti che sono normalmente presenti all’interno dello stesso intestino. 

In generale si assiste all’insorgenza di queste malattie in individui che hanno familiarità o predisposizione genetica, ma non possono per questo essere definite ereditarie. 

Quali sono i sintomi della malattia di Crohn e della colite ulcerosa?

I sintomi più frequenti della malattia di Crohn sono diarrea cronica (che persiste per più di 4 settimane), anche notturna, associata a dolori e crampi addominali, talvolta con perdite di sangue misto alle feci, e con febbricola che insorge alla sera, oppure con dolori articolari. Spesso il paziente presenta un calo di peso importante. Talvolta la malattia può manifestarsi a livello anale con fistole o raccolte di pus (ascessi).

La colite ulcerosa si manifesta con diarrea mista a sangue, anche notturna, associata a dolori e crampi addominali. Spesso è presente urgenza defecatoria, con difficoltà a trattenere lo stimolo, e un’evacuazione di piccolo volume o anche solo di muco e sangue.

“Tra i sintomi, inoltre, figura la “fatigue”, che si manifesta come una forte stanchezza priva di cause che impatta profondamente sulla vita personale, sociale e lavorativa del paziente. Anche problemi articolari, cutanei, oculari e epatici possono essere associati a queste patologie: si tratta di manifestazioni extraintestinali immunomediate, che in alcuni casi possono anche anticipare di qualche anno i sintomi tipici della malattia”, spiega il professor Armuzzi.

L’importanza di una corretta e rapida diagnosi

“Nei pazienti interessati da colite ulcerosa e Malattia di Crohn il fattore tempo è determinante: riconoscere la patologia tempestivamente con una diagnosi corretta consente di impostare la terapia su misura per ciascun paziente e questo offre maggiori possibilità che la malattia resti sotto controllo”, prosegue il professor Armuzzi.

“In entrambe le patologie si pone il tema del ritardo della diagnosi. Il rischio di diagnosi ritardata riguarda in particolare la Malattia di Crohn, che talvolta viene anche confusa con la sindrome dell’intestino irritabile: in oltre il 30% dei pazienti, infatti, le due patologie coesistono, un aspetto problematico sia in fase di diagnosi sia in fase di follow up.

I pazienti, inoltre, spesso si abituano a una ridotta qualità della vita, per cui nonostante soffrano di determinati disturbi, per esempio plurimi episodi di diarrea al giorno, ritardano il momento della visita di controllo e, di conseguenza i tempi di diagnosi e trattamento si dilatano. Un rischio che va evitato, perché grazie alle cure il paziente può avere un buon controllo dei sintomi e veder così migliorata la propria qualità di vita”, approfondisce il professore.

Malattia di Crohn e colite ulcerosa: quali sono i trattamenti?

Lo specialista per diagnosticare la presenza di una malattia infiammatoria cronica intestinale assocerà alla visita obiettiva una serie di esami strumentali, come per esempio la ileocolonscopia, l’ecografia addominale, la risonanza magnetica e gli esami ematici. 
Una volta diagnosticata la patologia, a seconda della sua estensione e del suo stadio di gravità, lo specialista potrà prescrivere terapie convenzionali o terapie avanzate, il cui principale obiettivo è tenere sotto controllo la malattia, impedendo la progressione del danno intestinale. 

Se, per quanto riguarda queste malattie, in passato l’oggetto dei trattamenti era unicamente il sintomo, oggi si pone invece grande attenzione anche alla cura delle lesioni (come le ulcerazioni intestinali).

“L’approccio che utilizziamo è il cosiddetto ‘treat to target’, dunque un trattamento volto a migliorare i sintomi, migliorare i risultati degli esami e ripristinare l’integrità della mucosa intestinale. Questa tipologia di approccio viene personalizzata nel corso del follow up, se necessario anche modificando il percorso terapeutico.

In alcuni casi la terapia farmacologica non è sufficiente e si rende necessario l’intervento chirurgico.

Humanitas è Centro di riferimento anche grazie all’integrazione tra medicina e chirurgia

Essere seguiti in un centro di riferimento anche per il follow up è fondamentale, poiché la gestione del paziente richiede regolarità e costanza e prevede visite, esami del sangue e altri esami strumentali, al fine di tenere sotto controllo la malattia ed evitare o limitare il danno intestinale e il rischio di una conseguente disabilità”, continua il professor Armuzzi. 

In Humanitas il paziente non affronta il difficile percorso della malattia da solo, ma viene preso in carico da un team multidisciplinare con medici afferenti a diverse specialità in modo da tenere sotto controllo anche gli eventuali sintomi extra-intestinali, come i disturbi articolari, cutanei, oculari o epatici che possono accompagnare la malattia. La strategia clinica e terapeutica, infatti, è modellata sulle necessità del singolo paziente e, trattandosi di malattie croniche viene valutata anche considerando le prospettive future.

In Humanitas i pazienti con malattie infiammatorie croniche intestinali sono seguiti presso il Centro Medico Chirurgico per le Malattie Infiammatorie e Croniche dell’Intestino, guidato dal professor Alessandro Armuzzi e dal professor Antonino Spinelli, Responsabile dell’Unità Operativa di Chirurgia del Colon e del Retto. 

Il paziente viene preso in carico fin dalla fase di diagnosi e accompagnato per tutto il percorso di cura, ricevendo le più avanzate terapie cliniche e laddove necessario, sottoposto a intervento chirurgico al fine di offrirgli un trattamento personalizzato e su misura.

Specialista in Gastroenterologia

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici