COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Mal di testa durante il ciclo mestruale: come affrontarlo?

Sono oltre 25 milioni gli italiani che soffrono di mal di testa, con una prevalenza delle donne rispetto agli uomini (57% contro il 43%).

Il mal di testa al femminile e spesso legato agli squilibri ormonali caratteristici dei giorni precedenti al ciclo mestruale e nei giorni delle mestruazioni. Secondo un’indagine, del cosiddetto “mal di testa da ciclo” ne soffrono 4,4 milioni di italiane.

Parliamo di questa forma di mal di testa con la dottoressa Elena Zannoni, ginecologa e Referente Servizio Chirurgia Conservativa ed Endoscopica in età riproduttiva in Humanitas.

A cosa è dovuto il “mal di testa da ciclo”?

Il mal di testa da ciclo, definito cefalea catameniale, inizia tipicamente un paio di giorni prima del ciclo e perdura fino a due/tre giorni durante il ciclo e può essere molto fastidioso per la donna, con ripercussioni sulla vita quotidiana.

La cefalea catameniale è dovuta principalmente al calo fisiologico degli estrogeni (gli ormoni femminili) nei giorni antecedenti il ciclo. Questo comporta una serie di conseguenze a livello neuroendocrino che si traducono principalmente in un meccanismo vasodilatatorio a livello cerebrale, con lo scatenamento del sintomo dolore.

La sintomatologia cefalalgica si può poi associare ad altri sintomi (nausea, irritabilità, calo dell’umore, difficoltà alla concentrazione, dolori lombari) tipici della più ampia sindrome nota come premestruale.

Cosa fare contro il mal di testa “da ciclo”?

Dal punto di vista farmacologico, si agisce con gli antidolorifici/antinfiammatori in abbinamento ad eventuali farmaci antinausea. È importante anche associare un integratore come il magnesio (un sale minerale che contrasta alcune sindromi dolorose) nei giorni antecedenti il ciclo o durante il ciclo stesso.

Gioca poi un ruolo fondamentale lo stile di vita: condurre una vita regolare, mangiare in maniera sana, ridurre l’assunzione di alcool e caffè, svolgere una costante attività fisica, dormire in modo regolare e cercare di allontanare le forme di stress, può aiutare ad alleviare la sintomatologia.

Se il mal di testa è una costante nei giorni del ciclo ed è molto forte, è però consigliabile consultare uno specialista in neurologia. In questo caso, è importante tenere un diario preciso degli attacchi di cefalea, per aiutare il medico a comprendere e quindi curare meglio chi è affetto da questo disturbo.

Specialista in Ginecologia e Ostetricia

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici