COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

“Il magone”: come alleviare tensioni e stress a stomaco e intestino

Nello spazio che molti conoscono come “plesso solare”, tra lo sterno e lo stomaco: è lì che spesso si concentrano e avvertono tensioni e fastidi quando si è stressati, preoccupati o tristi. Il “magone”, lo chiama qualcuno.

Ne abbiamo parlato con gli specialisti dell’Unità Operativa di Gastroenterologia di Humanitas, che ai pazienti hanno consigliato di “coccolare” di più la propria pancia.

I consigli utili

Si può iniziare già dal mattino, appena svegli, con un lieve massaggio alla pancia e un bicchiere di acqua tiepida con limone: rilassa le pareti dell’intestino e permette al nostro organismo, allo stomaco e all’intestino di “accogliere” meglio la colazione.

Nei momenti più critici e stressanti, in cui si avverte il “magone” e gonfiore alla pancia, bisogna poi prestare attenzione ai pasti: a pranzo meglio evitare le fibre crude, come le insalate, perché sono più difficili da digerire, a quel punto meglio un panino o una pastasciutta, ricordando che in qualsiasi situazione è sempre bene “masticare lentamente e non guardare computer o cellulari durante i pasti.

Rimedi naturali per una pancia sotto stress

Tra i rimedi più efficaci e distensivi per una pancia “stressata” ci sono sicuramente le tisane a base di erbe come camomilla, melissa e tiglio. Infine, si consiglia di bere un bicchiere d’acqua a temperatura ambiente ogni ora.

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici