COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Linfonodi ingrossati, quando consultare il medico?

L’ingrossamento dei linfonodi è spesso legato a un’infezione, in altri casi può avere natura benigna e solo più raramente indicare una malattia autoimmune o un tumore. Ne ha parlato il professor Armando Santoro, Direttore di Humanitas Cancer Center, nel suo blog su Repubblica.it, in risposta alla domanda di una lettrice.

In molti casi, i linfonodi ingrossati indicano la presenza di un’infezione batterica o virale, solo raramente possono essere legati a una patologia autoimmune o a una forma tumorale. In altri casi ancora, per esempio quando l’ingrossamento è di lunga data e non subisce alcuna evoluzione, le cause sono benigne.

“In alcuni casi, per esempio, è possibile che la reazione dei linfonodi sia provocata da stimoli anche minimi, come le piccole lesioni provocate dalla lametta per la depilazione, dalla composizione di un profumo o un deodorante, o persino da un indumento troppo stretto”, precisa il prof. Santoro.

Quando consultare il medico?

Se si osserva un ingrossamento dei linfonodi è bene consultare il medico, che valuterà se indirizzare il paziente verso una visita specialistica o verso un’ecografia.

È consigliabile un controllo più approfondito laddove si noti un aumento di dimensioni dei linfonodi o qualora compaiano sintomi come febbre e perdita di peso.

Specialista in Oncologia ed Ematologia

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici