COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Linfomi, che cosa sono e come si curano

Il direttore di Humanitas Cancer Center, Armando Santoro, in un’intervista al Corriere della Sera di domenica 12 ottobre, pubblicata anche da corriere.it, ha parlato dei tumori del sangue e delle terapie per combatterlo.

 

 

L’apparato linfatico è sviluppato in tutto l’organismo e a causa di una degenerazione dei tessuti, soprattutto a livello delle ghiandole, si presenta la formazione di linfomi e sono classificati in due principali categorie, Hodgkin e non Hodgkin.

Lo sviluppo delle tecniche curative ha portato a un’alta percentuale di sopravvivenza, grazie soprattutto all’introduzione, negli anni, di radioterapie e nuove molecole biologiche. Nei linfomi non Hodgkin il tasso di guarigione è dell’80-90%, mentre nei linfomi Hodgkin si passa al 70-80%.

 

Come si curano i linfomi?

Grazie ai nuovi metodi curativi la chemioterapia non è un procedimento che tutti i pazienti devono obbligatoriamente affrontare, molto spesso, infatti, accade che possa trascorrere molto tempo prima che si presenti la necessità di intervenire più aggressivamente. Grazie alle nuove cure farmacologiche è ormai possibile ridurre la gravità della malattia senza per forza ricorrere ai farmici chemioterapici.

 

Il trapianto di midollo

Con il miglioramento generale della patologia il trapianto di midollo, analogo o da donatore, ha più possibilità di andare a buon fine, anche se nei pazienti oltre i 70-75 anni è molto difficile applicare la procedura.

Grazie alla possibilità di utilizzare midollo che non sia donato solo dai parenti, le chance di trovare compatibilità per il trapianto sono aumentate, favorendo anche la cura di persone fino ai 70 anni di età.

 

Quali sintomi hanno i linfomi?

I sintomi che possono far sospettare lo sviluppo del tumore sono l’ingrossamento delle ghiandole linfatiche (soprattutto nella zona del collo, ascelle e inguine) che però non risulta doloroso, mentre le ghiandole nell’addome e nel torace presentano sintomi più importanti, come un’elevata sudorazione notturna, drastica perdita di peso, febbre e pruriti in tutto il corpo.

In questi casi i medici competenti svolgeranno gli accertamenti attraverso analisi del sangue, biopsie dei tessuti e successivamente analisi più complete come il prelievo di midollo e TAC.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici