COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Linfoma di Hodgkin, la chemioterapia di salvataggio che apre la strada a nuove prospettive

Linfoma di Hodgkin, la BeGEV è la chemioterapia di salvataggio più efficace prima del trapianto di cellule staminali autologhe. Lo dimostra uno studio coordinato dal prof. Armando Santoro, Direttore di Humanitas Cancer Center. I risultati sono stati presentati dal prof. Carmelo Carlo-Stella, Responsabile dell’Unità di Ematologia e di Terapie Sperimentali durante il congresso dell’European Hematology Association, tenutosi a Vienna tra l’11 e il 14 giugno scorso.

Trial BEGEV

Quali obiettivi si poneva lo studio?

Lo studio, multicentrico di fase 2 – spiega il prof. Carlo-Stella – prevedeva l’arruolamento di 59 pazienti e si poneva l’obiettivo di valutare l’efficacia e la tossicità della BeGEV, chemioterapia di seconda linea, per pazienti con Linfoma di Hodgkin ricaduto o refrattario alla terapia di prima linea”. Il Linfoma di Hodgkin è una malattia dei linfociti B, cioè di quelle cellule che hanno la funzione di difendere l’organismo da agenti esterni e infezioni. Nel Linfoma di Hodgkin, i linfociti B crescono in modo anomalo provocando ingrossamento dei linfonodi e talora invadendo sedi extralinfonodali. “Tale patologia – spiega il professore – è curabile nel 75% dei casi, mentre i restanti pazienti possono andare incontro aricaduta o sviluppare resistenza al trattamento chemioterapico”. “Nei pazienti che ricadono dopo avere ottenuto una remissione completa e nei pazienti che sono refrattari alla chemioterapia iniziale, è necessario somministrare unachemioterapia di salvataggio – continua il professore – la cui efficacia è fondamentale a garantire l’esito positivo deltrapianto di cellule staminali autologhe”.

Quali risultati sono stati osservati?

“La classica chemioterapia di seconda linea è la IGEV, che prevede la somministrazione combinata di gemcitabina, vinorelbina e ifosfamide, e che garantisce una percentuale di remissione completa pari al 50%”. Con BeGEV, questa percentuale sale al 73%: “Un dato strabiliante”, è il commento del prof. Carlo-Stella. “Altri vantaggi rispetto alla IGEV, sono costituiti dalla breve durata di somministrazione della BeGEV che può essere agevolmente fatta in regime ambulatoriale. Peraltro – aggiunge il professore – non sono state registrate tossicità aggiuntive”. Entrambi gli schemi di chemioterapia sono stati messi a punto dal prof. Armando Santoro, Direttore del Cancer Center di Humanitas. Tra i medici coinvolti nel trial vi sono, oltre al prof. Santoro e al prof. Carlo-Stella, la dott.ssa Rita Mazza, ematologa, e la dott.ssa Laura Giordano, biostatistica.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici