COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Le correlazioni tra Covid-19 e infiammazione tiroidea in uno studio di Humanitas

È a firma di sei specialisti di Humanitas lo studio THYRCOV sulle correlazioni tra COVID-19 e infiammazione tiroidea pubblicato sullo European Journal of Endocrinology. Il professor Andrea Lania, Responsabile dell’Unità Operativa di Endocrinologia, Andrologia Medica e Diabetologia, e il professor Gherardo Mazziotti, con la dottoressa Maria Teresa Sandri, la dottoressa Miriam Cellini, il dottor Marco Mirani, e la dottoressa Elisabetta Lavezzi nel corso del mese di marzo 2020 hanno analizzato i sintomi e il decorso ospedaliero di 287 pazienti, di cui 193 uomini e 94 donne, ricoverati in Humanitas per COVID-19. 

I legami tra virus e infiammazioni tiroidee

Lo studio è stato disegnato partendo dall’ipotesi di lavoro che il virus SARS-CoV 2 possa aggredire direttamente la ghiandola tiroidea causandone un processo distruttivo su base infiammatoria. A questo effetto potrebbe aggiungersi l’azione delle citochine prodotte in risposta all’infezione Covid-19, in maniera simile a quanto frequentemente osservato nei pazienti trattati con farmaci immunomodulanti per patologie neoplastiche, autoimmuni o infettive.
A fronte di pochi casi aneddotici di tiroidite virale in corso di COVID-19 finora pubblicati, lo studio clinico condotto dai ricercatori di Humanitas è il primo che ha fornito un’analisi dettagliata e sistematica dell’interessamento tiroideo in corso di COVID-19.

Lo studio sullo European Journal of Endocrinology

Lo studio ha dunque previsto l’analisi della funzione tiroidea  in una casistica numerosa di pazienti ricoverati in reparti non-intensivi e seguiti dalla COVID-19 Task Force di Humanitas, rivelando lo sviluppo di tireotossicosi nel 20% dei casi: un aumento degli ormoni tiroidei circolanti, non legata a un effettivo ipertiroidismo, bensì a un’infiammazione correlata al virus. Si tratta di una percentuale rilevante, poiché nella popolazione generale di pari età normalmente si assesta tra l’1% e il 2%.

Questo diretto interessamento infiammatorio della ghiandola tiroidea in corso di COVID-19 implica un aumento degli ormoni tiroidei circolanti che, a loro volta, possono determinare un peggioramento del quadro clinico del paziente. Infatti, un numero rilevante di pazienti con tireotossicosi in corso di COVID-19 hanno manifestato  complicanze cardiovascolari, quali fibrillazione atriale e eventi cerebrovascolari, e purtroppo in molti casi la tireotossicosi si è associata a un decorso clinico sfavorevole della malattia. 

Per l’immediato futuro, l’ipotesi di ricerca prospettata dagli specialisti è un follow up dei pazienti coinvolti nello studio, per valutare eventuali esiti del pregresso processo infiammatorio tiroideo e/o una evoluzione della tiroidite virale transitoria in malattia autoimmune ad andamento cronico. 

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici