COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

La radiologia interventistica contro i fibromi uterini

I fibromi, anche detti miomi, sono formazioni solide di natura benigna che generano dal tessuto muscolare dell’utero. La loro insorgenza è piuttosto comune, si tratta, infatti, della neoplasia benigna più frequente nelle donne. Spesso sono causa di un ciclo mestruale doloroso (dismenorrea) o particolarmente abbondante (menorragia). Trattarli senza ricorrere alla chirurgia è possibile grazie alle tecniche di radiologia interventistica, come ci spiega il dottor Vittorio Pedicini, Responsabile della Sezione di Radiologia Vascolare e Interventistica di Humanitas.

 

Female doctor holding application form while consulting patient

Che cosa sono i fibromi?

I fibromi sono tumori benigni dell’utero. Possono essere singoli o multipli e si distinguono in: fibromi sottomucosi o endocavitari, che si sviluppano verso la cavità dell’utero; fibromi intramurali, se si formano nello spessore della parete; fibromi sottosierosi, se sono collocati verso l’esterno dell’utero. L’insorgenza dei fibromi è piuttosto comune, si tratta, infatti, della neoplasia benigna più frequente nelle donne.

 

Embolizzazione, una tecnica non invasiva

L’embolizzazione è una procedura radiologica e rappresenta un’importante alternativa alla chirurgia tradizionale. Si tratta di una metodica non invasiva eseguita in anestesia locale, che si svolge con la sola puntura dell’arteria femorale. Il radiologo interventista è in grado quindi di “navigare” nei vasi che portano sangue ai fibromi e da lì iniettare delle speciali microparticelle, al fine di togliere loro il nutrimento e ottenere la loro riduzione dimensionale.

Non tutte le donne affette da fibromi però possono essere sottoposte a embolizzazione. E’ importante avere un colloquio esplicativo e una valutazione dedicata durante la visita di radiologia interventistica.

 

Che cosa succede dopo l’intervento?

La paziente riceve un’infusione continua di anestesia endovena per prevenire l’insorgenza di dolore e viene sorvegliata in ospedale due notti. Al terzo giorno è dimessa e può tornare a casa alla vita di tutti i giorni, avendo cura di non sforzarsi troppo. Nei primi giorni è normale avere un po’ di perdite ematiche anche fuori dal ciclo mestruale.

Già dopo il primo mese si apprezzano benefici in termini di riduzione del dolore e di perdite ematiche. Alla paziente è quindi chiesto di sottoporsi a una risonanza magnetica di controllo, in genere a tre mesi, per monitorare la riduzione del fibroma.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici