COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

La caratterizzazione del paziente con carcinoma pancreatico: un evento a favore della Ricerca

Si terrà domenica 1 settembre al Castello di Paderna, vicino a Piacenza, l’evento “Semina anche tu per la vita”, dedicato alla memoria di Angelo Medaglia, veterinario di Pontenura. Un’iniziativa a carattere benefico organizzata dalla comunità del dottor Medaglia: i fondi raccolti saranno devoluti a Fondazione Humanitas per la Ricerca e in particolare in favore delle attività per lo studio e la cura dei tumori al pancreas, condotte dall’Unità Operativa di Chirurgia Pancreatica.

Appuntamento alle 16.30 con “L’angolo del cane”, una sfilata amatoriale aperta a tutti e a seguire dimostrazioni di addestramento. Alle 19.30 l’aperitivo di benvenuto e la cena di beneficenza con i cuochi dell’Accademia della cucina piacentina e piano bar. All’evento prenderanno parte anche il professor Alessandro Zerbi, Responsabile di Chirurgia Pancreatica di Humanitas, e altri specialisti del suo team.

Come ci spiega il prof. Zerbi: “Si tratta di un’iniziativa a cui abbiamo partecipato anche lo scorso anno e che è stata molto preziosa per il nostro lavoro di ricerca; grazie ai fondi raccolti in quell’occasione (e in altre iniziative), possiamo infatti offrire una borsa di ricerca a una ricercatrice, la dottoressa Alessandra Pulvirenti, che inizierà proprio nel mese di agosto il suo lavoro nel nostro team. La dottoressa sarà presente all’evento di domenica 1 settembre proprio per ringraziare e portare la propria testimonianza”.

La caratterizzazione del paziente con carcinoma pancreatico

“I tumori del pancreas sono sempre più frequenti e si stima che tra 10-15 anni rappresenteranno la seconda causa di morte per tumore nei Paesi occidentali1. Questa neoplasia infatti è fortemente aggressiva e purtroppo associata a un’alta mortalità. Se la Ricerca è importante in tutti gli ambiti, in quello del tumore al pancreas lo è in modo speciale perché le risorse che vi sono destinate sono in genere poche e iniziative come quelle del prossimo settembre sono di grande aiuto.

In particolare, la dottoressa Pulvirenti si occuperà della caratterizzazione del paziente con carcinoma pancreatico mediante analisi sulle variabili genetiche, metaboliche e immunitarie. Questo tipo di analisi si inserisce in un filone di Ricerca più ampio, che riguarda anche altri tipi di neoplasie, e che punta a caratterizzare e personalizzare il trattamento dei singoli casi di neoplasia. Non tutti i tumori infatti sono uguali ed è importante capire per quale motivo si comportano in modo diverso. Cogliere queste differenze ci consentirebbe di applicare strategie di trattamento differenti a seconda del singolo caso”, sottolinea il prof. Zerbi.

Le alterazioni metaboliche e quelle immunitarie

“La Ricerca è in generale fortemente concentrata nel tentativo di caratterizzare al meglio i tumori del pancreas da un punto di vista genetico. In Humanitas invece, il nostro lavoro punta a indagare anche le differenze a livello metabolico attraverso l’analisi del succo pancreatico. Questo viene prelevato durante l’intervento chirurgico e analizzato dai ricercatori, nel tentativo appunto di caratterizzare il tumore dal punto di vista del metabolismo mediante le sostanze che rilascia nel succo stesso.

Un altro ambito di interesse è quello del rapporto tra il tumore del pancreas e il sistema immunitario, con l’obiettivo di comprendere quanto il sistema immunitario sia un alleato dell’organismo nel contrastare il tumore e quanto invece giochi in suo sfavore. Questi meccanismi dell’immunità rientrano nel grande filone di Ricerca di Humanitas guidato dal professor Alberto Mantovani e applicati anche ad altri ambiti clinici. Per farlo, i ricercatori ricercano e analizzano le cellule immunitarie presenti nel tessuto asportato.

Il lavoro di ricerca analizzerà un certo numero di casi, li caratterizzerà e verificherà come correlano con elementi come per esempio la prognosi, le recidive, eventuali metastasi, la risposta a trattamenti differenti.

Con questo progetto di ricerca puntiamo ad avvicinarci sempre di più a una medicina personalizzata, che nell’approccio ad altri tumori è già una realtà, con l’obiettivo di sapere già al momento della biopsia come quello specifico tumore (anche alla luce delle alterazioni genetiche, metaboliche e immunitarie indagate) reagirà ai diversi trattamenti e dunque proporre al singolo paziente il piano terapeutico più appropriato al suo caso”, ha concluso il professor Zerbi.

 width=

 

1. Cancer Res.2014 Jun 1;74(11):2913-21. Projecting cancer incidence and deaths to 2030: the unexpected burden of thyroid, liver, and pancreas cancers in the United States. Rahib L, Smith BD, Aizenberg R, Rosenzweig AB, Fleshman JM, Matrisian LM.

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici