COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Infortuni nel calcio, il libro del dott. Volpi

Prevenzione e trattamento degli infortuni nel calcio, è uscita la nuova edizione del libro Football Traumatology (ed. Springer) scritto dal dott. Piero Volpi, responsabile di Ortopedia del Ginocchio e Traumatologia dello Sport di Humanitas. Il volume è un’antologia dedicata alle più frequenti patologie muscoloscheletriche in questo sport, al trattamento e alla riabilitazione degli atleti colpiti. Ma il vero focus è la prevenzione, decisiva per tutelare la salute dei giocatori, sebbene ancora così trascurata.

Infortuni nel calcio

Perché gli infortuni nel calcio sono in costante aumento?

Il numero degli infortuni è fortemente aumentato negli ultimi anni. La Uefa misura l’impatto degli infortuni sulla salute dei calciatori e le conseguenze sui team, valutandone altresì la gravità. Nella stagione 2013/2014, secondo il Report sugli infortuni dei Club Elite, l’impatto medio degli infortuni nelle partite ufficiali è stato di 509 giorni di assenza ogni 1000 ore di gare. “L’aumento degli infortuni – afferma il dott. Volpi – è imputabile a una serie di motivi: un calcio sempre più intenso e veloce, l’aumento del numero di sessioni di allenamento e di match ufficiali. “Fino agli anni ’80 erano prevalenti gli aspetti tecnico-tattici delle squadre. Oggi non è più così, fondamentale è la fisicità del calciatore. – sottolinea il dottor Volpi – . Da qui l’alto numero di infortuni: chi non è in forma e non ha una struttura fisica in grado di rispondere bene alle sollecitazioni è a più alto rischio. Con lo stress che il fisico subisce e l’alto numero di allenamenti e partite, è anche aumentato il numero di infortuni da sovraccarico”. Per questo Football Traumatology torna con una nuova edizione aggiornata, dopo la prima del 2006, dedicata a ortopedici, traumatologi e medici dello sport.

Come fare prevenzione degli infortuni nel calcio?

“Per il personale sanitario è fondamentale avere quante più informazioni sullo stato di salute dei calciatori: grazie a queste informazioni è possibile fare prevenzione primaria, uguale per tutti, e secondaria, ovvero mirata per ogni singolo calciatore”, è il commento del dott. Volpi. “Alcune regole poi restano poi sempre valide, anche per gli amatori: il riscaldamento prima della gara, un buon allenamento e il rinforzo muscolare per supportare le articolazioni, il recupero corretto dopo la gara e il riposo tra un match e l’altro”, spiega lo specialista.

Trattamento degli infortuni, quali cambiamenti negli ultimi anni?

“La medicina applicata allo sport ha fatto tantissimi progressi, basti pensare che fino a 30 anni fa non si usavano accertamenti diagnostici certificati come ecografie e risonanze magnetiche. Gli accertamenti diagnostici di secondo livello sono diventati sempre più sofisticati. Allo stesso modo – conclude il dottor Volpi – lo sono diventati gli strumenti usati dai medici dei club per valutare il recupero di un calciatore prima del rientro in campo, dai test di isocinetica a quelli per misurare la forza muscolare degli arti inferiori”.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici