COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Ictus: è terza causa di morte in Italia e non colpisce solo gli anziani

L’ictus è un disturbo della circolazione del sangue nel cervello: quando si verifica un’area del cerebrale non viene irrorata e di conseguenza subisce danni. È causato dallimprovvisa chiusura o rottura di un vaso cerebrale e dal conseguente danno alle cellule cerebrali dovuto alla mancanza dell’ossigeno e dei nutrimenti portati dal sangue (ischemia) o alla compressione dovuta al sangue uscito dal vaso (emorragia cerebrale).

In Italia è la terza causa di morte, dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie, ma la prima causa assoluta di disabilità: sono circa 185.000 le persone colpite da ictus ogni anno; di queste 150.000 sono i nuovi casi, mentre 35.000 sono casi che si ripetono dopo il primo episodio.

Il 75% dei casi di ictus colpisce persone con più di 65 anni, ma è una patologia che colpisce anche la popolazione più giovane. Ne ha parlato in una intervista la professoressa Simona Marcheselli, responsabile dell’Unità Operativa di Neurologia d’urgenza e Stroke Unit di Humanitas.

Ictus ischemico o emorragico: le differenze

Ischemia o ictus emorragico rappresentano le due tipologie di ictus, ha spiegato la dott.ssa Marcheselli: si parla di ictus ischemico quando un trombo – ovvero un coagulo di sangue – occlude un’arteria del cervello impedendo il regolare flusso circolatorio; l’ictus emorragico, invece, è causato dalla rottura di un’arteria cerebrale. In questo caso, il sangue fuoriesce e causando un ematoma, danneggia o uccide i neuroni circostanti.

Perché gli ictus colpiscono anche i giovani

La pressione alta arteriosa – una delle cause di emorragia cerebrale – può riguardare anche i giovani e non solo gli over 65. L’ictus ischemico, invece colpisce come già detto maggiormente persone più anziane, e dipende da disturbi del ritmo cardiaco, come ad esempio la fibrillazione atriale, o da arteriosclerosi.

Quali sono i sintomi

“Il primo sintomo percepito è la fatica nel movimento degli arti”; spesso chi ha un ictus in corso lamenta difficoltà alla vista perché “scompare una parte del campo visivo”: “non si ricordano le parole e si fatica a parlare”. Nel caso di emorragia cerebrale c’è spesso mal di testa, ma anche mancanza di forza, formicolio e mancanza di sensibilità a braccia e gambe. Quando si presentano questi sintomi è fondamentale rivolgersi subito al medico: “L’ictus ischemico – ha detto la professoressa – deve essere trattato entro 4 – 5 ore, altrimenti i farmaci utilizzati per riaprire i vasi occlusi rischiano di essere non solo inutili ma dannosi”.

 width=

 

 

 

 

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici