COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Ictus cerebrale: i consigli per prevenirlo, i segni per riconoscerlo

Aprile è il mese dedicato alla prevenzione dell’ictus cerebrale, una patologia che in Italia rappresenta la terza causa di morte dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie, e la prima causa di disabilità.

L’ictus cerebrale è dovuto a un’improvvisa chiusura o rottura di un vaso cerebrale, con conseguente danno alle cellule cerebrali, determinato dalla mancanza di ossigeno e nutrimenti portati dal sangue (ischemia) o dalla compressione effettuata dalla fuoriuscita di sangue dal vaso (emorragia cerebrale).

La prevenzione è possibile intervenendo su quei fattori di rischio che possono essere modificati attraverso un sano stile di vita. È altresì importante, per limitarne i danni, riconoscere i segnali con cui si manifesta e chiedere aiuto in maniera tempestiva.

Ne parliamo con la dottoressa Simona Marcheselli, Responsabile di Neurologia d’Urgenza e Stroke Unit in Humanitas.

I consigli per la prevenzione

  • Non fumare.
  • Praticare quotidianamente attività fisica moderata, come per esempio mezz’ora di camminata veloce al giorno.
  • Tenere sotto controllo il peso corporeo: un peso nella norma si ripercuote positivamente sulla pressione arteriosa, sul diabete e sui grassi nel sangue.
  • Limitare il consumo di bevande alcoliche.
  • Assicurarsi un’alimentazione sana ed equilibrata, riducendo i grassi e i condimenti di origine animale e privilegiando il consumo di pesce (fonte di grassi polinsaturi), frutta, verdura, cereali integrali e legumi (fonti di vitamine e antiossidanti).
  • Non eccedere nel consumo di sale, che può determinare un incremento della pressione arteriosa.
  • Controllare la pressione arteriosa, per individuare eventuali condizioni di ipertensione, importante fattore di rischio cardiovascolare.
  • Controllare la glicemia, per diagnosticare precocemente la presenza di diabete.
  • In caso di fibrillazione atriale, eseguire valutazioni cardiologiche periodiche e seguire le indicazioni del proprio medico. In generale, è indicata l’assunzione di farmaci anticoagulanti nei pazienti di età superiore ai 65 anni e in quelli che hanno già avuto un ictus ischemico cerebrale. Negli altri casi è utile assumere Aspirina.

I segnali da non sottovalutare

Il riconoscimento tempestivo dei segni dell’ictus cerebrale è fondamentale, al fine di predisporre il trattamento prima possibile. La somministrazione della terapia entro 4,5 ore dall’esordio dei sintomi infatti, permette di contenere i danni e ridurre l’eventuale disabilità.

I sintomi possono variare da persona a persona, anche in base alla zona del cervello coinvolta, e possono non essere immediatamente riconoscibili. È bene però prestare attenzione ai seguenti segnali e in loro presenza chiedere aiuto a personale di soccorso:

  • Impossibilità o difficoltà a muovere un braccio, una gamba o entrambi gli arti di uno stesso lato del corpo.
  • Bocca storta.
  • Sensazione di “non sentire più” o di “sentire meno” un braccio, una gamba o entrambi gli arti di uno stesso lato del corpo.
  • Difficoltà a vedere bene metà o parte di un oggetto.
  • Mancanza di coordinazione nei movimenti.
  • Incapacità a mantenere l’equilibrio.
  • Problemi nel linguaggio: sia nell’articolazione delle parole, sia nel comprendere quanto detto dagli altri o nel reperire i vocaboli corretti.
  • Violenta cefalea, diversa dal solito.

Questi sintomi possono comparire per alcuni minuti e poi risolversi spontaneamente, motivo per cui spesso vengono sottovalutati. Si parla in questi casi di attacco ischemico transitorio (TIA), un fenomeno che spesso è un vero e proprio campanello d’allarme per l’ictus e dunque merita un approfondimento specialistico.

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici