COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Humanitas partner scientifico di Wired Health 2021

Humanitas sarà partner scientifico anche per l’edizione 2021 di Wired Health, l’evento di Wired dedicato alle trasformazioni del digitale nel mondo della salute e della sanità, che si terrà tra il 17 e il 18 marzo in streaming su Wired.it e sui suoi canali social.
Con la collaborazione scientifica di Humanitas, Wired torna a parlare di salute e di come le tecnologie digitali siano ormai fondamentali per lo sviluppo dei Sistemi Sanitari, anche a fronte delle sfide che la pandemia COVID-19 ha comportato nel corso dell’anno appena trascorso.

Wired Health: un evento completamente in digitale

La quarta edizione di Wired Health, a causa dell’emergenza COVID-19, sarà interamente online, con l’introduzione di un elemento di novità: una serie di sessioni di Q&A e di approfondimento, in stanze dedicate, con esperti del mondo dell’healthcare e dell’innovazione. Proprio il confronto sarà il carattere distintivo dell’edizione 2021 di Wired Health e il tema sarà Proximity per indicare due aspetti fondamentali dell’innovazione nella salute: la vicinanza al paziente (venendo incontro a tutte le sue esigenze) e quella tra discipline diverse per creare vero progresso.

Nelle due giornate si parlerà, tra gli altri argomenti, di telemedicina, dell’utilizzo di virtual e augmented reality in ambito sanitario, di applicazioni pratiche dell’Intelligenza Artificiale in clinica, diagnostica e ricerca, di gestione dei big data sanitari, della loro interoperabilità e di protezioni della privacy, ma anche di Ricerca e innovazione, dalla medicina di precisione alla Value Based Healthcare. 

Humanitas: l’importanza dell’Intelligenza Artificiale nella pratica clinica

Humanitas è da sempre in prima linea nell’attività di Ricerca sull’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale nell’attività clinica, anche attraverso il suo AI Center. A raccontare le più recenti innovazioni in termini di nuove tecnologie in ambito ospedaliero a Wired Health saranno tre specialisti dell’Istituto Humanitas di Rozzano. 

Il professor Alessandro Repici, Responsabile dell’Unità di Gastroenterologia e Endoscopia Digestiva di Humanitas e docente di Humanitas University, giovedì 18 marzo dalle 12.40 alle 13.00, con l’intervento Quel che l’occhio non vede, parlerà dell’utilizzo dei sistemi di Intelligenza Artificiale nella diagnosi dei polipi precursori del cancro del colon retto, che consente una riduzione dell’insorgenza di quella che rappresenta la seconda causa di morte per tumore.

Il professor Antonino Spinelli, responsabile dell’Unità di Chirurgia del Colon Retto di Humanitas e docente di Humanitas University, mercoledì 17 marzo dalle ore 15.30 alle 15.50, con l’intervento Chirurgia 3.0, racconterà le principali evoluzioni della robotica ma anche delle applicazioni AI in sala operatoria, quali sono le sfide da superare, quali gli impatti sulla formazione dei medici di domani e quali i rischi della digitalizzazione della chirurgia.

Il professor Luigi Maria Terracciano, responsabile dell’Unità di Anatomia Patologica e docente di Humanitas University, giovedì 18 marzo dalle ore 17.05 alle 17.25, con l’intervento Patologia digitale e Intelligenza Artificiale: una nuova rivoluzione nella Patologia, spiegherà come la patologia digitale e l’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale rappresentino una nuova rivoluzione nel campo della patologia e si apprestino a cambiare il ruolo del patologo nel percorso diagnostico-terapeutico del paziente. L’utilizzo sempre più frequente delle immagini digitali complete delle sezioni istologiche (WSI), la disponibilità di connessioni digitali sempre più veloci e la diminuzione dei costi per conservare dati digitali, rappresentano alcuni tra i fattori trainanti che faciliteranno sempre di più la diffusione della patologia digitale.

Per il programma completo, clicca qui.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici