COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Gonfiore addominale, cause e rimedi

Il gonfiore addominale è un disturbo molto diffuso, soprattutto tra le donne, e può avere cause differenti. In genere per alleviarlo è sufficiente una correzione dello stile di vita e della dieta, ma altre volte il fenomeno può essere il segnale di una patologia più ampia e richiede quindi il consulto di uno specialista. Ne abbiamo parlato con gli specialisti dell’Unità Operativa di Gastroenterologia di Humanitas.

Quali sono i sintomi più comuni che accompagnano il gonfiore addominale?

Il gonfiore può accompagnarsi alla sensazione di aria nella pancia, il cosiddetto meteorismo, oppure alla distensione dell’addome, un “rilassamento” a tal punto evidente da costringere a slacciare il bottone dei pantaloni o della gonna a fine giornata, come accade soprattutto alle donne. Spesso si accusano anche irregolarità intestinale (stipsi) o digestione rallentata (dispepsia).

Quali possono essere le cause?

Le cause possono essere diverse: alimentari, ad esempio, come un’intolleranza o un’allergia verso specifici cibi oppure abitudini scorrette a tavola. Può essere altrimenti colpa di infezioni, ad esempio una gastrite associata a un’infezione dell’Helicobacter pylori, un batterio che colonizza la mucosa dello stomaco; oppure di alterazioni della flora intestinale (disbiosi), che può anche crescere eccessivamente nel tratto dell’intestino tenue dando origine alla Sindrome da proliferazione batterica del piccolo intestino o SIBO (Small intestinal bacterial overgrowth). Altre cause comuni sono rallentamenti della digestione o blocchi del transito intestinale, come la stipsi. Non bisogna infine sottovalutare il fatto che il gonfiore può essere segno dell’eventuale presenza di malattie organiche a carico degli organi addominali o di disfunzioni respiratorie, ad esempio l’ipomobilità diaframmatica.

Quali possono essere le possibili soluzioni?

La terapia dipende dalla causa del gonfiore addominale e può essere individuata dopo un’accurata anamnesi ed eventuali esami di laboratorio e strumentali. Nella maggior parte dei casi all’origine ci sono scorrette abitudini alimentari e quindi si consiglia generalmente di limitare i cibi che maggiormente contribuiscono alla fermentazione: un’eccessiva quantità di verdure a foglia lunga, il consumo di frutta subito dopo i pasti, bevande gassate e chewing gum. Particolare attenzione va posta all’esclusione della celiachia, l’allergia al glutine, che può essere identificata mediante esami di laboratorio. È un passaggio necessario prima di escludere tout court il glutine dalla dieta. Esistono comunque diversi rimedi contro il disturbo: il noto carbone vegetale, ad esempio, ma anche diverse formulazioni a base di piante carminative che aiutano a ridurre il gonfiore.

Quando occorre rivolgersi a uno specialista?

Il gonfiore e la distensione addominale possono nascondere malattie organiche più complesse, sia gastroenterologiche che ginecologiche. Se i sintomi persistono nonostante gli accorgimenti dietetici o altre terapie, dunque, si consiglia di approfondire il problema con uno specialista. A seconda dell’inquadramento clinico, verranno prescritti esami strumentali di primo livello, come l’ecografia addominale, o di secondo livello, come la colonscopia e la TC addominale.

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici