COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Giornate della Ricerca AIRC, anche Humanitas iniziative per sensibilizzazione

Tornano i Giorni della Ricerca di AIRC, l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, che dedica con questa iniziativa ben otto giorni all’ informazione sugli sviluppi e i progressi della ricerca raggiunti dagli esperti nell’ambito di prevenzione, diagnosi e cura del cancro e con l’obiettivo di raccogliere nuove risorse per rendere questa malattia sempre più curabile.

    Le otto giornate hanno preso il via già il 4 novembre con un ricco calendario di appuntamenti fino al domenica 11 novembre, coinvolgendo trasmissioni televisive e radiofoniche della RAI, scuole e università, gli stadi e i calciatori della Serie A e migliaia di piazze con i volontari. 

  Anche Humanitas sarà protagonista di queste giornate allestendo un banchetto informativo e per la raccolta di fondi nei giorni dell’ 8 e 9 novembre, all’interno dei suoi spazi.

Nuovi casi, nuove sfide

Sono 373.000 i nuovi casi di cancro diagnosticati in Italia nell’ultimo anno, più di 1000 al giorno, secondo i dati raccolti a AIRC: le previsioni per i prossimi anni indicano che nel 2030 il cancro sarà la principale causa di morte nel mondo con 21,6 milioni di nuovi casi all’anno. 

   Per questo medici e ricercatori stanno affrontando questa emergenza concentrandosi in particolare sullo studio di metodi per diagnosi sempre più precoci e su trattamenti sempre più personalizzati che, negli ultimi due decenni, hanno contribuito a far diminuire costantemente la mortalità. In Italia in particolare oggi si guarisce di più, come testimoniano i dati che  pongono l’Italia al vertice in Europa per le guarigioni. Nel nostro Paese oggi oltre 3,3 milioni di persone hanno superato una diagnosi di cancro e hanno un’aspettativa di vita paragonabile a quella di chi non si è mai ammalato.

“I risultati sin qui ottenuti sono significativi, ma non bastano. Per questo è indispensabile garantire continuità ai ricercatori per comprendere e curare tutti i tumori – sottolinea Federico Caligaris Cappio, Direttore Scientifico AIRC –. I risultati si ottengono mettendo il paziente al centro e utilizzando un approccio globale fatto di finanziamenti, tecnologia, inventiva. Il cancro non aspetta e per questo AIRC sta lavorando a livello nazionale e internazionale per velocizzare le scoperte e il loro arrivo in clinica”.

I cioccolatini  della Ricerca e tanti altri appuntamenti

Un modo semplice – e goloso – per sostenere la Ricerca a fronte di una donazione di soli 10 euro: sono i Cioccolatini della Ricerca, venduti sabato 10 novembre dai volontari AIRC in oltre mille piazze italiane per  sostenere concretamente l’attività dei circa 5.000 scienziati AIRC impegnati nei laboratori di università, ospedali e istituzioni di ricerca.

Oltre all’appuntamento di piazza, è ricco il calendario durante i Giorni della Ricerca propongono: tra le diverse iniziative anche la campagna ‘RAI per AIRC’, che attraverso il numero solidale 45521 punta a sensibilizzare gli utenti alle donazioni, gli incontri in oltre 85 scuole superiori – che aprono le porte ai ricercatori e ai volontari dell’Associazione per conoscere le nuove frontiere della ricerca sul cancro e le storie dei suoi protagonisti, attraverso la testimonianza di chi della ricerca ha fatto un mestiere – e ‘Un Gol per la Ricerca’ che vedrà scendere in campo campioni della della Serie come Leonardo Bonucci, Claudio Marchisio, Matteo Politano e Alessio Romagnoli.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici