COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Giornata mondiale contro l’epatite, il dott. Covini a Radio Vaticana

Giovedì 28 luglio si è celebrata la Giornata mondiale contro l’epatite, una malattia che colpisce 400 milioni di persone del mondo, molte delle quali non sanno di essere ammalate. La Giornata punta anche a una maggior informazione, al fine di rendere i cittadini maggiormente consapevoli delle regole di prevenzione, compresa la possibilità di vaccinarsi. Di epatite ha parlato il dottor Giovanni Covini, epatologo e Responsabile dell’Area Check up In Humanitas, intervistato su Radio Vaticana.

front view of doctor writing information on her folder with a pen

Epatite A, B e C: contagio e prevenzione

Nei Paesi occidentali, le tre forme di epatite più diffuse sono A, B e C. La trasmissione dell’epatite A avviene per via oro-fecale. Uno dei rischi è l’ingestione di cibo contaminato, pertanto è consigliabile lavare bene gli alimenti prima di consumarli, come frutta e verdura. Inoltre è possibile vaccinarsi contro l’epatite A.

Per quanto riguarda l’epatite B, la modalità di contagio è per via sessuale o via parenterale (attraverso una puntura, come per esempio aghi infetti o trasfusioni); è dunque importante avere rapporti sessuali protetti. Anche contro l’epatite B è disponibile un vaccino.

Le modalità di trasmissione dell’epatite C sono molto simili a quelle della B, anche se la via sessuale è meno predominante. Contro l’epatite C però non è disponibile alcun vaccino.

 

L’importanza della vaccinazione

L’Italia è stato uno dei primi Paesi al mondo a rendere obbligatoria la vaccinazione contro l’epatite B nel 1991. Sono stati vaccinati tutti i nuovi nati e tutti i ragazzi che compivano il dodicesimo anno di età. In questo senso siamo molto avanti. Il suggerimento è quello di vaccinarsi contro l’epatite A perché può essere una malattia pericolosa in fase acuta.

 

I farmaci per l’epatite C

Il costo dei farmaci è ancora molto alto e al momento lo Stato italiano tratta solo i pazienti più gravi. In futuro però sarà sempre più importante garantire l’accesso alle cure a tutti i pazienti, anche per scongiurare l’acquisto fai-da-te di farmaci su internet, provenienti da Paesi come l’India.

 

Per ascolta l’intervista completa al dottor Covini clicca qui

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici