COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Frattura del gomito: cosa fare dopo una caduta e i tempi di guarigione

La frattura del capitello radiale è la frattura più comune delle ossa del gomito. Questo tipo di frattura è quasi sempre conseguenza di un trauma, magari dovuto a una caduta; il capitello radiale, infatti, è la parte più prossimale del radio che si articola nel gomito.

Come si verifica la frattura e cosa fare? Approfondiamo l’argomento con il dottor Lorenzo Di Mento, responsabile di Traumatologia in Humanitas Rozzano.

Frattura del gomito o del capitello radiale dopo una caduta

Il trauma può essere diretto al gomito, oppure indiretto: questo avviene quando si cade e istintivamente si cerca di proteggersi mettendo in avanti le mani, e il trauma alla mano può ripercuotersi sull’articolazione del gomito

Questo tipo di frattura, quindi, può capitare a chiunque, dalle persone anziane, a chi pratica sport. In quest’ultimo caso, a essere più a rischio di frattura del gomito sono le persone che praticano sport di contatto.

Cosa fare dopo la caduta?

Dopo la caduta che coinvolge il gomito, direttamente o indirettamente, la persona avverte prima di tutto dolore, e spesso è impossibilitata a muovere l’avambraccio: questo capita perché il radio, attraverso il capitello, scorre sull’ulna, e questa articolazione consente la prono-supinazione dell’avambraccio, il movimento che serve per girare una chiave o aprire una maniglia. Il gonfiore, invece, non è sempre presente.

Dopo il trauma è fondamentale immobilizzare l’articolazione, anche semplicemente con un bendaggio al collo, e poi andare al Pronto Soccorso, dove andrà effettuata una radiografia. Con l’esame, si può conoscere immediatamente l’entità del danno subito. 

Come si tratta una frattura del gomito?

La frattura del capitello radiale, può essere composta o scomposta. In caso di frattura scomposta, il trattamento dovrà essere chirurgico. La chirurgia è valida anche nel caso in cui la frattura è associata ad altre lesioni più complesse a carico del gomito. In caso di frattura composta, sarà sufficiente un approccio conservativo – anche se sarà lo specialista a indicare la soluzione più adatta al caso.

Frattura del gomito: in quanto tempo guarisce?

I tempi di guarigione di una frattura del gomito sono simili sia per il trattamento chirurgico, sia per quello conservativo, perché in entrambi i casi dipende dalla guarigione biologica dell’osso. Dopo 6-8 settimane dal trauma il paziente può, in genere, tornare alle attività quotidiane.

Se la frattura è pluri-frammentaria o la riduzione chirurgica insufficiente, potrebbe esserci una limitazione nella prono-supinazione

Se la frattura è composta o la chirurgia porterà a una riduzione anatomica, spesso il recupero è completo. 

In quest’ultimo caso è utile non tenere bloccato il gomito, ma muovere gomito e avambraccio il prima possibile per prevenire la rigidità dell’articolazione.

Specialista in Ortopedia e Traumatologia
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici