COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Farmaci e trombosi: luoghi comuni da sfatare

L’efficacia di un farmaco nella prevenzione di malattie cardiovascolari, come infarto o ictus, dipende da molti fattori. La tendenza recente è individuare nella genetica la causa di resistenze alla terapia, o la causa di tali patologie. Ma la verità è che anche gli stili di vita non corretti come sovrappeso, fumo, cattiva alimentazione, sedentarietà hanno un importante ruolo. Il commento dei professionisti di Humanitas. 

Oggi tutto sembra essere responsabilità della genetica: la suscettibilità della pelle al sole, delle arterie all’Aterosclerosi, del cervello alla demenza, la tendenza a diventare alcoolisti o dipendenti dalle droghe. Importanti investimenti vengono fatti in aziende di tutto il mondo, che mettono a disposizione, anche via internet, kit “fai da te” per verificare se siamo fragili o no nei confronti di alcuni tipi di tumore o delle malattie cardiovascolari. Ma sarà vero? O stiamo solo cercando di attribuire ad altri (la genetica, cioè i nostri genitori e i nostri avi) la responsabilità degli eventi che ci accadono, anziché alle scelte pericolose che facciamo nello stile di vita di ogni giorno? E per esorcizzare il nostro senso di colpa e la frustrazione di non essere capaci di migliorare le nostre abitudini spendiamo denaro via internet per dare ad altri la colpa che è, invece, per lo più nostra?

Il ruolo della genetica
Il clopidogrel è uno dei farmaci antitrombotici più efficaci nel prevenire le malattie del cuore, del cervello e dei vasi legate ad Aterosclerosi e Trombosi. Assunto alla dose adeguata e tutti i giorni è efficace almeno quanto la buona e vecchia aspirina nel prevenire l’Infarto e l’Ictus in pazienti con precedente Infarto o con fibrillazione atriale. Ma non in tutti: alcuni pazienti sembrano resistere all’azione protettiva del farmaco. Gli scienziati hanno ipotizzato che questa “resistenza” possa essere legata un difetto del citocromo, enzima deputato a metabolizzare il farmaco: se difettoso, funziona in modo imperfetto. L’enzima mutato si eredita da uno o da ambedue i genitori.
Gli scienziati hanno quindi analizzato il genoma di 5.059 pazienti con sindrome coronarica acuta (Infarto del miocardio) che assumevano clopidogrel e hanno concluso che l’enzima mutato non sembra rivestire alcuna responsabilità nel determinare l’efficacia o l’inefficacia del farmaco. E lo stesso è stato dimostrato cercando il difetto in 1.156 pazienti con fibrillazione atriale: il farmaco funziona, a prescindere dall’enzima integro o mutato.

Il commento
I professionisti ricordano che Ictus, lnfarto, Aterosclerosi, sono malattie cardiovascolari molto diffuse, causate da una squadra di complici e non da un solo killer responsabile: sono tanto più probabili quanti più complici sono presenti contemporaneamente. Sovrappeso, fumo, diabete, ipertensione, inattività fisica, stress e droghe moltiplicano la probabilità di andare prima o poi incontro a un evento molto drammatico, che tutti quelli che hanno già avuto eviterebbero volentieri, se potessero tornare indietro. La correzione dei fattori di rischio legati allo stile di vita è fondamentale, se si vuole prevenire non solo il primo evento, ma anche un nuovo incontro, spesso assai più catastrofico del primo. Ma cambiare stile di vita è difficile, perché dipende da noi, non da una pillola: e richiede pazienza, convinzione e perseveranza. Non tutti lo sanno fare, ma molti non ci provano nemmeno.

ALT da oltre 20 anni trasmette al grande pubblico i risultati della ricerca scientifica, informa sull’importanza di uno stile di vita equilibrato e sano, sulla possibilità di rimanere sani a lungo, almeno per quanto riguarda le malattie cardiovascolari, che sono davvero evitabili modificando abitudini pericolose e togliendosi di dosso i chili di troppo. Uno stile di vita sano non è necessariamente sacrificato, ma conscio e responsabile, per gli adulti e per i loro bambini, che assorbono come spugne le abitudini dei genitori. Pensiamoci, se non per noi, almeno per loro.

* Fonte: New England Journal of Medicine. Lo studio è stato finanziato dall’azienda che produce e commercializza il clopidogrel ed è presentato in questi giorni al Congresso Europeo di Cardiologia in corso a Stoccolma.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici