COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

International Patients
+39 02 8224 6579

Working hours: Monday to Friday, 9 a.m. – 5 p.m. (Italian time)

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Ernia iatale, dai sintomi ai consigli per contrastarla

L’ernia iatale è una condizione anatomica caratterizzata dal passaggio di una parte dello stomaco nel torace. La sua formazione è dovuta all’allentamento delle pareti dello iato, che è una piccola apertura del diaframma attraverso la quale passa l’esofago.

Dei sintomi causati o meno dall’ernia iatale e dei consigli per affrontarla, ne parliamo con la dottoressa Beatrice Salvioli, gastroenterologa in Humanitas.

L’ernia iatale e il reflusso gastroesofageo

L’ernia iatale può essere asintomatica, oppure manifestarsi con alcuni sintomi riconducibili o a difficoltà di digestione, oppure al reflusso gastroesofageo, con risalita nell’esofago di acidi gastrici e conseguenti bruciore, rigurgito e dolore a livello toracico. Un altro sintomo caratteristico dell’ernia iatale è la sensazione di percepire i battiti cardiaci dopo mangiato, come fosse una palpitazione.

In presenza di questi sintomi è consigliabile rivolgersi al medico, che prescriverà gli accertamenti opportuni per accertare o escludere la presenza di ernia e/o di reflusso.

Quali sono gli esami per la diagnosi?

Solitamente la diagnosi si effettua durante la gastroscopia, anche se l’esame migliore per misurare l’entità dell’ernia è quello radiologico (RX esofago), in cui al paziente viene fatta bere una soluzione liquida con bario che contrasta le prime vie digestive.

I consigli contro l’ernia iatale

In presenza di ernia iatale che si accompagna a reflusso gastroesofageo è consigliabile evitare alcuni alimenti come cibi fritti, piccanti o grassi (salse, burro), cioccolato, menta, caffè, tè, sughi di pomodoro, agrumi, insaccati e carne affumicata, formaggi grassi e fermentati, alcolici. Ma la cosa più importante è non mangiare troppo tardi a cena e non sdraiarsi o mettersi alla televisione subito dopo mangiato, soprattutto se il pasto è stato abbondante.

 width=

 

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici