COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Virus ebola: di cosa si tratta? Come si trasmette?

Il virus dell’ebola è stato scoperto nel 1976, è un virus a RNA ed è una malattia trasmissibile attraverso i fluidi corporei.

 

 

Quali sono i sintomi dell’ebola?

I sintomi tipici dell’ebola compaiono improvvisamente e sono febbre, dolori muscolari e articolari, spossatezza, vomito, diarrea, insufficienza renale, accompagnati da emorragie interne o esterne.

Il virus ha un periodo di incubazione tra 2 e 21 giorni e durante questo intervallo non si può infettare nessuno, il contagio avviene solo quando si iniziano a manifestare i sintomi.

L’unica conferma di avvenuta infezione è data dalle analisi del sangue di laboratorio.

 

Come si trasmette l’ebola?

Il virus non si trasmette per via aerea, ma solo attraverso il contatto diretto i con i fluidi corporei (sangue, saliva, sperma, feci, urina) di un malato. L’infezione avviene attraverso le mucose ed eventuali ferite sulla pelle; per questo motivo bisogna essere cauti sia con gli strumenti medici utilizzati sugli ammalati (come le siringhe), sia con vestiti e biancheria macchiati di sangue, feci o urine.

È inoltre bene non maneggiare la carne cruda di possibili animali infetti, principalmente pipistrelli da frutta e primati.

Le zanzare non trasmettono il virus e non è possibile contrarlo per via aerea sui mezzi pubblici o semplicemente visitando i Paesi interessati dal focolaio. Resta necessario un contatto diretto.

 

L’ebola si può prevenire?

Per evitare la malattia è necessario evitare di toccare animali morti trovati nella savana o maneggiarne la carne cruda, in quanto potrebbero essere infetti.

Per gli assistenti che si trovano a stretto contatto con i malati è necessario lavare le mani frequentemente ed utilizzare indumenti di protezione personale, come i guanti.

 

Quando consultare un medico?

Se si iniziano a sviluppare i sintomi dopo un viaggio in zone caratterizzate da un focolaio della malattia, in cui si può essere entrati in contatto con il virus, è indicato consultare un medico.

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici