COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Donna e caregiver: dal retaggio culturale alla questione sociale

In occasione dello scorso 8 marzo, Farmindustria in collaborazione con ONDA, Osservatorio nazionale per la salute della donna, ha promosso un incontro dal titolo “Soprattutto Donna! Valore e tutela del caregiver familiare“. Un’occasione per approfondire il ruolo che le donne rivestono nell’ambito delle cure e della salute dei propri cari e per riflettere, più in generale, sulla centralità della persona, sull’appropriatezza delle cure e del welfare in Italia.

Da un’indagine condotta da Ipsos e presentata proprio nell’incontro romano, emerge che il 92% delle donne svolge la funzione di caregiver. Un dato di cui tenere conto perché – ha sottolineato il presidente di Farmindustria Massimo Scaccabarozzi – la donna assumendo questo ruolo sociale si occupa di tutti, occupandosi meno di se stessa.

Abbiamo parlato del delicato ruolo del caregiver e del perché sia rivestito prevalentemente da donne, con la dottoressa Emanuela Mencaglia, psicologa in Humanitas.

Il ruolo del contesto socio-culturale

“Il ruolo di caregiver associato al sesso femminile affonda innanzitutto le proprie radici nel contesto socio-culturale italiano e più in generale sud europeo. Nel nostro Paese è “normale” che sia la donna a prendersi cura delle persone care. Si tratta di una questione culturale che si trasforma in questione di genere. La figura della donna è da sempre associata alla maternità, alla cura, alla dedizione per la famiglia e per gli affetti: un retaggio culturale che ci appartiene nonostante i tempi stiano cambiando e sebbene il ruolo di caregiver sia rivestito sempre di più anche dagli uomini”, ha sottolineato la dottoressa Mencaglia.

Uomini e donne, approcci diversi

“Una serie di studi sociologici condotti nei primi anni del 2000, ha messo in evidenza come le donne e gli uomini abbiamo approcci di cura diversi: l’uomo tende a essere problem solver e questa sua attitudine a concentrarsi sul problema e a trovare la strada per risolverlo, fa sì che abbia un approccio più pragmatico nella gestione del parente; la donna invece ha un atteggiamento diverso, più emotivo, e dunque anche il tempo mentale e spirituale che investe è maggiore, con ripercussioni quindi anche sulla durata della presenza”, ha continuato la specialista.

L’aspettativa sociale diventa un dovere

“Da uno studio spagnolo è poi emerso come a livello sociale ci si aspetti che sia la donna a gestire e a prendersi cura della salute e del benessere dei propri familiari, ma che in sua assenza possa farlo tranquillamente un uomo.

Una lettura che conferma come si tratti di una questione culturale: la società determina a chi spetta il ruolo di caregiver e questa aspettativa sociale si trasforma in un dovere sottinteso per la donna, che si sente chiamata a ricoprire questo ruolo. Come se non potesse fare altrimenti, come se l’assunzione di questo tipo di responsabilità la qualifichi in quanto donna a tutti gli effetti, nella sua completezza e integrità.

Occorre però sottolineare che questo trend sta cambiando e che sono in crescita gli uomini che condividono con le proprie compagne o con i propri familiari la gestione della quotidianità, ma affinché il cambiamento passi dall’essere reale a essere anche culturale ci vuole tempo”, ha precisato la dottoressa Mencaglia.

Il ruolo della disuguaglianza sociale

“Il fatto che le donne si prendano a cuore la situazione dei propri cari e se ne facciano carico non può essere solo ricondotto a una questione culturale. Il tema è al contempo complesso e delicato e concerne diversi aspetti.

Le donne, in genere, non sono inclini a farsi aiutare, e spesso si vantano della capacità “multitasking”. Mentre l’uomo percepisce l’aiuto esterno come un sollievo, la donna lo legge come una sorta di critica a se stessa e lo traduce, in molti casi, con il non sentirsi capace nelle diverse situazioni, il non essere all’altezza. Pertanto le donne tendono a non chiedere aiuto, a concentrare tutto su di sé affidandosi solo alle proprie forze, senza rinunciare a nulla. Per cui, all’impegno quotidiano (professionale, familiare e personale) si aggiunge un eventuale carico come quello richiesto a chi ha un figlio o un parente ammalato da accudire, un familiare che sta seguendo un ciclo di cure particolari, etc.

Nel nostro Paese, poi, è alta la disoccupazione femminile e dunque le donne in molti casi possono occuparsi dei propri cari perché forzatamente libere da impegni lavorativi; altre scelgono di stare a casa perché la loro retribuzione è spesso, anche a parità di mansioni, più bassa rispetto a quella dei colleghi uomini, e non copre la spesa per una badante.

Lo scenario è complesso e gli aspetti in gioco sono molteplici e spesso diversi da caso a caso; non è dunque così facile tracciare un quadro esaustivo della situazione. Il caregiver, uomo o donna che sia, svolge di certo un ruolo di primo piano nella gestione di un familiare in difficoltà, un ruolo che comporta impegno, responsabilità e fatiche, fisiche e psicologiche. È bene quindi porre attenzione ai caregiver e alle loro esigenze, per far sì che continuino ad avere la forza e gli strumenti per sostenere le situazioni di fragilità in cui sono coinvolti”, ha concluso la dottoressa Mencaglia.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici