COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Dolore e bruciore alla minzione: quali sono le cause e cosa fare

Il termine “disuria” indica il dolore o il bruciore durante la minzione, ovvero durante l’emissione dell’urina. Quali possono essere le cause della sua presenza e a chi rivolgersi?

Ne parliamo con la dottoressa Silvia Zandegiacomo De Zorzi, urologa di Humanitas.

Disuria: le caratteristiche del dolore alla minzione

La disuria è un sintomo che il paziente o la paziente può avvertire in più occasioni. Il dolore infatti può comparire sia nell’atto della fuoriuscita dell’urina, quindi durante il suo passaggio lungo l’uretra e/o ancora più semplicemente a vescica piena.

Gli organi collegati alla disuria sono diversi:

  • l’uretra – ovvero il canale che si congiunge alla vescica e che permette che l’urina fuoriesca dal corpo;
  • la vescica;
  • la prostata nell’uomo.

I pazienti che soffrono di bruciore e dolore durante la minzione potrebbero avere:

  • un’infezione a carico della vescica e/o del basso tratto urinario;
  • uno stimolo irritativo, eventualmente correlato a eventuale presenza di lesioni vescicali;
  • un problema di svuotamento vescicale in caso di ipertrofia prostatica ostruente con conseguente ostacolo al deflusso delle urine lungo l’uretra.

Perché si sente dolore durante la minzione?

La disuria nelle donne è un disturbo molto comune e può essere riferita a infezioni del “basso tratto urinario”. Parliamo quindi di infezioni delle vie urinarie, alludendo principalmente a colonizzazione batterica a carico della vescica, come le cistiti, e dell’uretra, come le uretriti. Infatti l’uretra, che nel genere femminile è molto più corta rispetto a quella maschile, unitamente alla disbiosi intestinale più rappresentata allo stesso modo nel sesso femminile, facilitano l’ingresso dei batteri, che possono risalire in vescica e moltiplicarsi.

Ne deriva pertanto che le donne tendono a essere percentualmente più colpite rispetto agli uomini. Molti batteri che causano infezioni urinarie – come l’Escherichia Coli –  possono vivere normalmente nell’intestino: lì svolgono correttamente la loro funzione, ma se migrano nelle vie urinarie, possono diventare aggressivi.

Negli uomini la disuria è spesso connessa all’ipertrofia prostatica benigna, una condizione particolarmente diffusa e caratterizzata da ostruzione e difficoltà allo svuotamento vescicale.

In caso di prostatite, ovvero l’infiammazione della prostata, la disuria può essere indicativa della patologia.

Infine, il bruciore e dolore nella minzione possono slatentizzare alcune patologie a trasmissione sessuale, come la gonorrea o la clamidia,  spesso ulteriormente associate all’emissione di secrezioni uretrali, oppure si possono manifestare anche in occasione di espulsione di piccoli frammenti litiasici o in caso di comparsa di  pielonefrite (infezione dei reni). In questo caso associati spesso a dolore al fianco e febbre alta.

Cosa fare in caso di dolore alla minzione?

Per trattare il sintomo è fondamentale conoscerne la causa, motivo per cui bisogna sempre rivolgersi al medico, che verificherà anche la presenza di altri sintomi, spesso riconducibili a infezione del tratto urinario o di prostatite, come:

  • aumento della temperatura corporea
  • ematuria macroscopica (la presenza di sangue nelle urine)
  • dolori a livello pelvico-perineale.

Per definire la diagnosi il medico può avvalersi di esami come l’urinocoltura con eventuale antibiogramma, l’esame delle urine, l’ecografia dell’apparato urinario – da eseguirsi a vescica piena – ed eventualmente la citologia urinaria su tre campioni. Dopo gli accertamenti verrà definito il trattamento più adeguato.

Se è presente una lesione vescicale, si opta per un intervento endoscopico di resezione; se invece vi è ostruzione da ipertrofia prostatica benigna, l’opzione principale è sempre la terapia medica al fine di risolvere la disuria (l’opzione chirurgica è secondaria al fallimento della terapia medica), mentre in caso di infezione del tratto urinario, si passa alla terapia antibiotica. Questa sarà scelta a seconda dell’antibiogramma, che aiuterà a capire quale sia la terapia più efficace contro il germe responsabile dell’infezione.

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici