COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 82224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Dolore cronico: il legame con i disturbi dell’umore

Si parla di dolore cronico in presenza di dolore che persiste nel tempo, in genere oltre i 3-6 mesi rispetto al normale tempo di guarigione. Di dolore cronico soffrono, per esempio, pazienti con condizioni comuni come lombalgia, lombosciatalgia, cervicalgia e cefalea muscolo-tensiva, artrosi, ma anche pazienti affetti da patologie reumatiche, fibromialgia o neuropatie di differente origine come la neuropatia diabetica o in seguito a Fuoco di Sant’Antonio.

Spesso i pazienti che soffrono di dolore cronico presentano anche disturbi come ansia e depressione, ma qual è la correlazione tra queste condizioni? Ne parliamo con il dottor Fabio Intelligente, anestesista e coordinatore del Servizio di Terapia Antalgica per il dolore cronico in Humanitas.

I rischi del dolore cronico non controllato

“Le cause all’origine del dolore possono essere molteplici ed è importante intervenirvi perché il dolore cronico non controllato può avere un impatto fortissimo sulla quotidianità del paziente e può dar origine alla cosiddetta “malattia dolore”, un quadro in cui il dolore non è più un sintomo ma una malattia vera e propria con importanti ripercussioni sul tono dell’umore e dunque sulla socialità, sulla vita lavorativa e sulle capacità economiche”, spiega il dottor Intelligente.

Terapia antalgica e stile di vita

“Il dolore cronico va curato in maniera tempestiva e per farlo si può ricorrere non solo alla terapia farmacologica, ma anche alle infiltrazioni e a procedure mininvasive che non richiedono l’uso del bisturi né lunghi tempi di recupero. L’obiettivo è da un lato conservare la funzionalità e dall’altro garantire al paziente una qualità di vita che sia la migliore possibile.

Gioca poi un ruolo fondamentale lo stile di vita: una dieta varia e bilanciata, come per esempio quella mediterranea, è l’ideale per aiutare il nostro organismo a controllare il dolore. Sono preferibili i prodotti naturali, ricchi di fibre, grassi “buoni”, frutta e verdura, anche allo scopo di prevenire o combattere il sovrappeso; i chili in eccesso infatti possono aggravare la condizione dolorosa”, sottolinea lo specialista.

I disturbi dell’umore e il dolore cronico

“Soffrire di dolore cronico altera l’intero organismo, il dolore infatti non è più una sensazione sgradevole, ma coinvolge l’interezza della persona, con ripercussioni non solo sulla salute, ma anche sulla vita di relazione, lavorativa e sociale.

Un quadro così complesso può essere terreno per l’insorgenza di disturbi come ansia e depressione, così come nei pazienti che già soffrono di ansia e depressione, il dolore cronico può peggiorare i sintomi.

È indubbio dunque il legame tra dolore cronico e disturbi dell’umore; si pensi, per esempio, che alcuni farmaci indicati per il dolore cronico sono antidepressivi e ansiolitici e agiscono sul dolore e sull’umore, per il coinvolgimento degli stessi neurotrasmettitori, come la serotonina e la noradrenalina”, precisa il dottor Intelligente.

 

 

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici