COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Diventare genitori al Fertility Center di Humanitas

Esiste ancora una certa resistenza a parlare apertamente di fecondazione assistita. Così quando una coppia vuole avere un figlio ma, per vari motivi, non ci riesce, a volte rinuncia semplicemente al desiderio di diventare genitore e a capire quali siano le cause dell’infertilità. Eppure esistono strade alternative che si possono percorrere. Una di queste è appunto la fecondazione assistita: il risultato da raggiungere è complesso, gli ostacoli non mancano, ma il percorso può essere svolto in completa serenità, professionalità e sicurezza. Il Fertility Center di Humanitas da 20 anni accompagna le coppie lungo questa strada: proprio qui si è svolta l’esperienza positiva di una paziente, classe 1979 e diventata mamma da un anno. La donna ha raccontato la sua storia in un’intervista nell’ambito del progetto “I milanesi siamo noi”.

fertility

 

L’esperienza di fecondazione assistita

La paziente si è rivolta al Fertility Center di Humanitas nel 2013, come ha raccontato nell’intervista. Da tempo lei e il compagno cercavano di diventare genitori, ma senza successo: gli spermatozoi poco numerosi e lenti di lui e l’ovaio pigro di lei rendevano il risultato davvero arduo da raggiungere. “Il primo impatto in Humanitas è stato ottimo, ci hanno rassicurato. Mi hanno sempre detto come stavano le cose, senza esagerare in un verso o nell’altro”, ha dichiarato la paziente. Dopo la trafila di esami necessari, svolti sempre nella struttura Humanitas, il primo tentativo di fecondazione assistita è avvenuto nel maggio 2014 ma non è andato a buon fine. È un’eventualità che rientra nella norma e non per questo il percorso si è interrotto. Sei mesi dopo infatti è avvenuto il secondo tentativo e nel frattempo, su consiglio dell’equipe medica del Fertility Center, la paziente ha prestato maggiore attenzione allo stile di vita: niente fumo, niente alcol, cibo salutare e soprattutto meno stress. Questa volta l’esito è stato positivo: la fecondazione è andata a buon fine e dopo una gravidanza serena e senza complicazioni è nata una bambina, che oggi ha un anno.

“La prima volta ero tesa e avevo paura, la seconda ero più tranquilla e rilassata – ha raccontato la donna – L’esperienza in Humanitas è stata fantastica. Sono stati tutti professionali, umani, generosi… mi sono sentita a casa. I medici ancora oggi mi chiamano per sapere se va tutto bene, mi chiedono foto della bambina. Meglio di così non poteva andare”. La coppia vorrebbe riprovarci, in futuro, e avere un secondo figlio.

 

Il Fertility Center

Il Fertility Center è stato aperto nel 1996, è convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale ed è diretto dal prof. Paolo E. Levi Setti. Dal 1997, anno in cui è nata la prima bambina concepita in Humanitas, le gravidanze ottenute con la riproduzione assistita sono state migliaia. La struttura pubblica offre agli aspiranti genitori un percorso altamente specializzato che può contare su tecnologie innovative e su una équipe di professionisti formata da ginecologi, andrologi, anestesisti, genetisti, psicologi e biologi. L’intero percorso clinico si svolge in Humanitas, dalla diagnosi delle cause dell’infertilità, agli esami di monitoraggio e complementari, alla terapia medica e chirurgica ritenuta necessaria per entrambi i partner.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici